lunedì, 20 Maggio 2019 - 7:03
Home / Notizie / Curiosità / Toyota Supra, l’icona del “Made in Japan” anni Novanta
Toyota Supra

Toyota Supra, l’icona del “Made in Japan” anni Novanta

Tempo di lettura: 2 minuti.

A volte la storia delle auto non è lineare. Magari alcuni modelli sono famosi sul loro mercato interno e quasi ignoti al di fuori. Poi basta che succeda qualcosa di imprevisto, magari un’apparizione al cinema, per cambiare tutto. E’ il caso della Toyota Supra. Una sportiva che in Giappone è ben nota sin dall’anno della sua nascita, il 1978, ma che è diventata nota al grande pubblico grazie al ruolo avuto in Fast and Furious, dove è senza dubbio una delle auto maggiormente protagoniste.

Quella che compare nel primo episodio della fortunatissima saga è un esemplare appartenente alla quarta generazione, che è rimasta sul mercato dal 1993 al 2002, prima di entrare in un oblio interrotto solo da pochissimo. La quinta generazione, infatti, è su strada da pochi mesi ed è nata grazie alla collaborazione con BMW (che ha realizzato la nuova Z4) grazie a cui è stato possibile dividere i costi di sviluppo. Ad ogni modo, la Supra degli anni Novanta è diventata un’icona ma è anche una signora auto sportiva, con prestazioni e caratteristiche di tutto rispetto.

Un progetto nato sul finire degli anni Ottanta e arrivato definitivamente su strada nella primavera del 1993. Il telaio è derivato da quello della coupé Lexus SC, rispetto alla quale però, l’auto risulta accorciata di ben 34 centimetri. Il design è completamente inedito e presenta tutte le rotondità tipiche del periodo storico, con anche i cerchi in lega di serie che appaiono piuttosto “plasticosi”. Sotto il cofano c’è un bel 3 litri 6 cilindri in linea che in Giappone e negli Stati Uniti può essere sia aspirato che turbo.

Per il mercati europei, invece, viene approntata una versione sovralimentata con componenti diversi e la potenza passa da 280 a 330 CV, niente male considerando che siamo nel 1993. I due turbocompressori, peraltro, non lavorano in parallelo ma in serie. Il più piccolo si attiva già a 1.800 giri, poi a 3.500 si inizia a risvegliare il secondo, che raggiunge il picco massimo di pressione a 4.000 giri, dove arrivano anche i 441 Nm di coppia.

Così la Supra scatta da 0 a 100 km/h in 4,6 secondi e volendo corre fino a 285 km/h, se non fosse che il limitatore taglia prima, verso i 250 km/h. Il cambio è un 6 marce manuale sviluppato insieme alla Getrag, la trazione è ovviamente posteriore e se si esagera c’è uno dei primi sistemi di controllo elettronico.

Con i suoi quattro metri e mezzo abbondanti la Supra non è piccolissima, ma il peso rimane contenuto entro i 16 quintali, grazie all’uso dell’alluminio per la costruzione di alcuni componenti, come il cofano, alcuni bracci delle sospensioni e la scatola del cambio.

Anche il tettino removibile, quando presente, era in alluminio e pesava solo 18 kg. Parlando di dinamica, invece, la distribuzione dei pesi è lievemente sbilanciata all’anteriore, con un 53:47; una caratteristica comune a molte auto di questo tipo. Ad ogni modo la Supra è stata una delle auto preferite dai tuner, soprattutto per la solidità del suo motore Toyota che consentiva elaborazioni anche pesanti.

Autore: Alessandro Vai

Le auto e i motori, una passione diventata una ragione di vita. Volevo fare il pilota ma poi ho studiato marketing e ora il mio mestiere è scrivere

Potrebbe interessarti

Giulia livrea ocra

Alla Mille Miglia 2019 torna la livrea ocra su Alfa Romeo Giulia

Nei momenti precedenti la partenza della Mille Miglia 2019, Alfa Romeo ha voluto ancora una …