venerdì, 20 ottobre 2017 - 7:08
Home / Notizie / Attualità / La mobilità sostenibile sempre più nel futuro Volkswagen
mobilità sostenibile

La mobilità sostenibile sempre più nel futuro Volkswagen

Tempo di lettura: 2 minuti

Il Gruppo Volkswagen sta accelerando verso la sua corsa alla mobilità sostenibile, dopo lo scandalo del dieselgate che l’ha coinvolta e per il quale si è reso necessario un deciso cambio di rotta.

 “Il futuro è elettrico. Vogliamo diventare i numeri uno nella mobilità elettrica entro il 2025”, ha annunciato Matthias Müller, CEO di Volkswagen AG, all’Assemblea Generale annuale ad Hannover. In tutto il Gruppo sono in corso intensi sforzi per aiutare a raggiungere il punto di svolta di questa tecnologia. Allo stesso tempo, il Gruppo Volkswagen sta continuando a sviluppare motori a benzina e Diesel, rendendoli ancor più efficienti ed ecologici.

Müller ha reso chiaro durante l’Assemblea Generale che “i motori tradizionali rimarranno indispensabili nell’immediato futuro”.

il Gruppo si stia riallineando con successo per il futuro della mobilità con la “Together – Strategy 2025”. Volkswagen è stata la prima Casa automobilistica a fornire un esempio concreto di veicolo completamente autonomo quando ha presentato Sedric (Self-Driving-Car) al Salone di Ginevra.

La mobilità sostenibile non fa andare in pensione il diesel Volkswagen

Per fornire mobilità sostenibile a un prezzo accessibile su larga scala, continueremo a schierare l’intera gamma di motori: dai tradizionali a quelli completamente elettrici”, ha affermato Müller aggiungendo che, con le sue 12 Marche, il Gruppo sta mandando chiari segnali per l’espansione della mobilità elettrica: ha investito circa 3 miliardi di Euro in tecnologie alternative negli ultimi 5 anni e triplicherà questa somma nel corso dei prossimi 5.

In questo modo il Gruppo introdurrà più di 10 nuovi modelli elettrificati entro la fine del 2018 e aggiungeremo a essi più di 30 BEV entro il 2025”. Il Centro di Eccellenza di Salzgitter, recentemente fondato, aggregherà competenze trasversali per quanto riguarda celle per batterie e moduli. “Allo stesso tempo, stiamo conducendo intense negoziazioni per stabilire partnership in questo settore in Europa e Cina. Ne sentirete parlare ancora presto”, ha aggiunto il CEO.

Nonostante ciò, secondo Müller, i moderni motori a combustione interna saranno indispensabili per  l’immediato futuro: “Questo si applica anche e in particolare ai motori Diesel Euro 6, nonostante il recente e acceso dibattito”. In totale, il Gruppo Volkswagen investirà circa 10 miliardi di Euro in queste tecnologie entro il 2022. Müller: “Il motore a combustione interna è parte della soluzione, non parte del problema”, e ha aggiunto, “124 anni dopo la sua invenzione, ha ancora molto potenziale e intendiamo sfruttarlo. Entro il 2020, avremo reso i nostri motori a combustione interna tra il 10 e il 15% più efficienti e, di conseguenza, più puliti. Questo aiuterà a proteggere l’ambiente e a preservare risorse”.

Malgrado la questione Dieselgate, Volkswagen è ben preparata per affrontare i cambiamenti fondamentali nell’industria automobilistica. “Nell’ultimo anno fiscale, abbiamo messo le basi per la più ampia trasformazione nella storia del Gruppo. E abbiamo ottenuto una performance operativa molto migliore di quanto molte persone avessero pensato possibile”, ha detto Müller, “e per il 2017 continuiamo così!”.

 

Autore: Tommaso Corona

Potrebbe interessarti

Torino

Inquinamento a Torino: continua l’emergenza polveri sottili

Tempo di lettura: 1 minutoLa mancanza di precipitazioni sta diventando insostenibile, almeno nelle grandi città. Ne è l’esempio più …