in

BMW iDrive celebra 20 anni: pronta al debutto la NextGen al CES 2021

Nuovo BMW iDrive
Tempo di lettura: 2 minuti

Dici BMW e pensi all’iDrive. Il sistema di infotainment di Casa a Monaco di Baviera si rinnova per i 20 anni. La strategia? sempre più smart, sicura e connessa.

CES 2021 e teaser sotto i riflettori

La difficoltà non è ottenere una semplice etichetta “connesso e intelligente”. L’impegno, semmai, è trovare un proprio cammino nel campo inflazionato dell’infotainment.

Sono passati 20 anni dal debutto della prima generazione del BMW iDrive: al Consumer Electronics Show (CES) 2021, il gruppo BMW ha avvicinato il pubblico verso quelle che saranno le novità del display e del sistema operativo. La casa automobilistica presenterà ufficialmente il nuovo BMW iDrive più avanti nel 2021.

Un “plus” dell’evento CES 2021 fornito da BMW è un video teaser che vi mostriamo qui sotto e che mostra come la user experience si sia evoluta negli ultimi due decenni all’interno di un’auto del Marchio. Protagoniste di questo viaggio nel tempo sono:

  • la BMW Serie 7 del 2001: su di lei è stata montata la 1° generazione BMW iDrive
  • la BMW iX: debutterà sul mercato nel 2021 insieme alle novità iDrive

BMW iDrive verso user experience e user interaction

20 anni fa anche le sezioni tecnologiche del Gruppo BMW iniziavano ad affacciarsi sugli scenari di un’esperienza di guida collegata all’interazione digitale e smart. BMW ricorda i suoi primi passi del 2001 nell’allora nuova Serie 7, l’ammiraglia.

Al posto di alcuni pulsanti/comandi, uno schermo a colori nel cruscotto (il Control Display) e una manopola rotante sulla consolle centrale (iDrive Controller).

Tra concorrenza e innovazione

Dall’avvento BMW iDrive, il Gruppo ha continuato con l’introduzione di pulsanti dei preferiti per memorizzare comandi operativi. Sono poi arrivati i pulsanti di selezione diretta. E il 2015 ha segnato l’arrivo del Control Display con controllo touch, sempre nella BMW Serie 7.

In parallelo, sulla sfumatura di guida e sicurezza, nel 2004 BMW ha presentato un inedito Head-Up Display, che proiettava le informazioni di guida direttamente sul parabrezza, restando all’interno della visuale frontale del guidatore. E il funzionamento multimodale nel 2015 segna l’anteprima del BMW Gesture Control della Serie 7.

BMW connected: internet e app

La prima fase di sviluppo del sistema BMW iDrive portò i servizi BMW Online a bordo delle auto. L’integrazione con il motore di ricerca Google è avvenuta nel 2007. In risposta al boom degli smartphone e le conseguenti applicazioni, a partire dal 2012 è stato possibile integrare nel sistema operativo BMW iDrive anche applicazioni di terze parti.

Nel 2016 l’app BMW Connected lo step di rifinizione digitale: ad esempio le destinazioni inserite in un’app potevano essere importate nella BMW direttamente dallo smartphone; e le informazioni sullo stato dell’auto erano accessibili anche su altri devices. Il tutto coronato dall’app My BMW.

Assistenza e intelligenza digitale

Nel 2018, un nuovo sistema di controllo vocale online è stato presentato per la prima volta nella nuova BMW Serie 3. Il BMW Intelligent Personal Assistant è supportato dal software BMW Operating System 7, che fornisce anche la base per il Remote Software Update.

Dì la tua

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Loading…

    0

    Toyota GR Yaris sulla neve: è il suo habitat naturale [VIDEO]

    renegade 80° anniversario

    Jeep presenta Renegade 80° anniversario e lancia il nuovo spot [VIDEO]