in

Brembo, MotoGP: come di frena a Valencia

Tempo di lettura: 2 minuti

Brembo ci aiuta a scoprire l’uso dei freni nel secondo weekend consecutivo del mondiale MotoGP a Valencia, la pista che coi suoi 4.005 metri è la più corta di tutto il campionato 2020.

Secondo i parametri Brembo, derivati da anni di esperienza sul campo, il Circuit Ricardo Tormo rientra nella categoria delle piste mediamente impegnative per i freni.

In una scala che va da 1 a 5 è infatti accreditato di un indice di difficoltà di 3, ovvero il più basso tra le quattro piste spagnole. 

Il tracciato è percorso in senso antiorario e dunque si devono affrontare più curve a sinistra (9) che a destra (5).

In questo strano campionato 2020, in cui per motivi contingenti si è iniziato a luglio, Valencia è capitato nello stesso periodo degli anni scorsi, e questo è indubbiamente un vantaggio per i tema, che hanno dati confrontabili per effettuare il setting delle moto.

Le pastiglie Brembo

Il materiale utilizzato per le pastiglie Brembo è il carbonio, unica alternativa con i dischi in carbonio. 

Il peso delle pastiglie Brembo per gli impianti frenanti MotoGP è di soli 50 grammi, vale a dire meno della metà della variante stradale.

La loro durata non supera i 900 km e la temperatura massima raggiungibile è di 800°C senza che si verifichino fenomeni di fading, ossia allungamento della leva o del pedale. ​ ​ ​​​

L’impegno dei freni

La pista è caratterizzata da curve strette e tecniche, nelle quali si usano spesso le marce basse: in 6 curve la velocità d’ingresso è inferiore ai 100 km/h.

I freni sono applicati 9 volte ogni giro, 5 nelle curve a sinistra e 4 in quelle a destra per complessivi 29s, come nel GP Catalogna, 4s meno che a MotorLand Aragon e Jerez.

Solo in due punti gli spazi di frenata superano i 150 metri mentre in un altro paio di sezioni risultano addirittura inferiori a 90 metri. ​​

La frenata più impegnativa del GP Europa​

Delle 9 frenate del Circuit Ricardo Tormo, Brembo ne considera solo una come impegnativa per i freni.

5 sono di media difficoltà e 3 scarsamente impegnative. 

La staccata più impegnativa per le MotoGP è la prima dopo gli 876 m del rettilineo del traguardo, l’unico punto in cui superano i 300 km/h.

Si passa da 324 km/h a 129 km/h in 4,2 secondi in cui percorrono 251 metri. I piloti esercitano un carico di 5,6 kg sulla leva del freno e subiscono una decelerazione di 1,5 g mentre la pressione del liquido freno raggiunge i 12,1 bar.​

tamponi rapidi

Tamponi rapidi in Ferrari per un miglior screening dei contagi

orari gp turchia

Orari GP Turchia 2020: come seguirlo in TV