in

Suzuki e Joan Mir: coppia mondiale perfetta!

Tempo di lettura: 2 minuti

“Probabilmente avrò bisogno di una doccia per capire quello che è successo! È qualcosa per cui ho combattuto per tutta la vita”.

Queste le prime parole di Joan Mir, fresco campione del mondo della MotoGP. “A dieci anni ho fatto questo sogno e non mi sono mai fermato finché non ho ottenuto questo titolo. Cosa posso dire? Posso iniziare a dire grazie alle molte persone che sono rimaste con me, non solo quest’anno ma anche in passato, che mi hanno aiutato ad essere quello che sono e a raggiungere questo risultato”.

“Voglio ringraziare prima la mia famiglia, e poi Suzuki e l’opportunità che mi hanno dato nel 2018: ora, nel 2020, due anni dopo sono il campione del mondo! Non me l’aspettavo onestamente, ma ora mi aspetto accada ancora in futuro! Ma ora abbiamo il titolo e quindi sono felice! “.

Come ti sentivi prima che si spegnesse il semaforo?

“L’importante era stare calmo e senza pressione, ma non lo ero affatto! Ero supercarico e questo non è un male!”.

“La verità è che quest’anno è stato particolarmente difficile perché non avevamo solo pressione in pista ma anche al di fuori per non prendere il virus. Una situazione particolarmente difficile da gestire, ma grazie al mio team tutto è andato bene”.

Quando hai iniziato a credere di poter vincere il campionato?

“La Stiria è stata la prima gara in cui ero davvero competitivo e potevo lottare per la vittoria. Poi dopo Misano e Barcellona ho pensato, ‘aspetta, forse non sono stato veloce solo in Stiria e riesco a mantenere questo feeling con il moto!’ Per me quello è stato il momento in cui ho capito che potevo farcela”.

E come ci si sente a diventare il primo campione della Suzuki dopo 20 anni, entrando a far parte di una storia incredibile?

“Per me, questo è stato il motivo per firmare con la Suzuki. Vincere un titolo con qualsiasi Costruttore è incredibile ed è l’obiettivo principale, ma in quel momento sono stato abbastanza coraggioso per andare con la Suzuki, perché sinceramente non mi aspettavo questo potenziale”.

“Per me vincere con la Suzuki ha un qualcosa in più, e non solo quest’anno, ma ottenere un titolo con la Suzuki significa qualcosa di più”.

Cosa avresti pensato se l’anno del tuo debutto in Moto3 ti avessero detto che saresti diventato Campione del Mondo MotoGP solo quattro anni dopo?

“Avrei pensato che erano pazzi! Gara dopo gara, anno dopo anno diventavo più veloce e mi stavo abituando rapidamente alla moto”.

“Questo ha reso la mia progressione così rapida, ed è stata la chiave per vincere il titolo MotoGP già nel mio secondo anno”.

“Probabilmente abbiamo sacrificato un anno in Moto2. Mi sarebbe piaciuto passare due anni lì, ma alla fine è stato giusto salire in MotoGP dopo il mio primo anno in Moto2 “.

GP Turchia 2020: Hamilton è campione, vince da maestro

pagelle gp turchia

Pagelle GP Turchia: diamo i voti ai protagonisti della gara