in

Citroen C3 Aircross C Series: prova su strada, interni, motore e prezzi

Citroen C3 Aircross C-Series
Tempo di lettura: 4 minuti

Citroen C3 Aircross C-Series, l’edizione speciale del B-SUV francese dalla forte personalità, nato osservando semplicemente i gusti dei numerosi clienti che hanno già scelto uno dei protagonisti nel ricco segmento dei crossover con dimensioni poco oltre i 4 metri. Vediamo come va nella nostra prova su strada, com’è fatta fuori e dentro e soprattutto i prezzi da listino.

I designer Citroen, per il primo modello dell’edizione trasversale della gamma, hanno puntato tutto sulla personalizzazione della vettura con colori, materiali ed equipaggiamenti che ne migliorano l’aspetto e ne semplificano la vita a bordo. La “C” di “C Series” significa innanzitutto Citroen, ma anche comfort e carisma.

Dimensioni invariate ma tocco di stile per la Citroen C3 Aircross C Series

Citroen C3 Aircross C-Series 2021 dimensioni

Le dimensioni della Citroen C3 Aircross C Series non variano rispetto alla C3 Aircross lanciata nel 2017: 415 cm di lunghezza, 175 cm di larghezza e 164 cm di altezza, bagagliaio 410-520 dm3. La novità è sicuramente il Pack Color Deep Red che colora, con le sue tinte rosso intenso, la parte superiore dei sedili interni, i profili dei fari fendinebbia, le finiture del montante posteriore e gli Airbump che creano un contrasto che la tinta carrozzeria.

A proposito di quest’ultima, i colori disponibili sono cinque: Polar White, Steel Grey, Platinium Grey, Night Black e Soft Sand. Di serie troviamo il vetro panoramico, lo spoiler al tetto e le barre longitudinali al tetto nere nonché il Tire Kit, i cerchi in lega da 16” Matrix, i vetri oscurati lunotto posteriore e laterali posteriori e luci diurne a LED. Inoltre, sui montanti anteriori, appare il nuovo badge “C Series”, ripreso anche sul battitacco

All’interno cambia ben poco rispetto alla versione tradizionale della C3 Aircross. Le uniche differenze sono, come anticipato sopra, il colore rosso nella parte superiore dei sedili e sui tappetini, gli inserti del cruscotto TEP Mistral e i bocchettoni dell’aria cromo satinati. Completano la personalizzazione della vettura i badge sui sedili, con un misto di impunture bianche e rosse.

Citroen C3 Aircross C-Series 2021 abitacolo

Diversi, invece, gli equipaggiamenti di serie che ritroviamo nella vettura: 6 altoparlanti, comandi audio al volante, lettore MP3, connessione dei dispositivi esterni e porta USB anteriore, navigatore, sistema audio comprendente radio AM/FM, radio digitale, touchscreen da 7” e schermo a colori. Per quanto riguarda quest’ultimo, a mio avviso, ci sono alcune pecche. In primis, il fatto che non esistano tasti per spegnerlo o accenderlo, in secondo luogo il fatto che, essendo completamente touch, possa indurre a distrarsi alla guida e in ultimo è capitato che, accendendo la vettura, si accendesse l’audio ma non lo schermo e non ci fosse modo né di spegnerlo né di cambiare impostazioni (non solo audio ma anche clima ecc.). Era necessario, a quel punto, spegnere la macchina, riaccenderla e aspettare di vedere che si accendesse anche lo schermo. 

Altre dotazioni incluse sono: climatizzatore a controllo automatico, sistema di ventilazione con display digitale e filtro antipolline a combustione, computer con velocità media, consumo medio, consumo istantaneo e autonomia, riconoscimento segnaletica stradale, presa di corrente 12V anteriore e posteriore, regolatore e limitatore di velocità, sensori di parcheggio posteriori, volante in pelle regolabile in altezza e in profondità e servosterzo ad assistenza variabile e elettrico.

Alla guida della Citroen C3 Aircross C-Series: nonostante le dimensioni, agile e scattante

Partiamo dal motore di questa serie speciale: sotto al cofano della Citroen C3 Aircross C-Series troviamo il motore turbo benzina 1.2 L da 110 CV e 230 Nm di coppia. Seguendo i freddi numeri, la velocità massima si attesta a 183 km/h mentre i consumi medi si attestano a 4,8 l/100 km.

Per valutare al meglio come si comporta su strada la vettura ho effettuato percorsi misti, urbani e non. Se, da un lato, i comandi al volante sono facili e intuitivi, dall’altro (come anticipato) i comandi touch dello schermo centrale inducono alla distrazione poiché climatizzatore, radio, connessione dei dispositivi e navigatore si controllano solo ed esclusivamente da lì e non esistono altri tasti che, dal mio punto di vista, potrebbero facilitare la vita a bordo. Una costante, diciamo così, delle ultime Citroen.

Molto positivo il fatto che sia il sedile lato conducente che il volante siano regolabili in altezza e in profondità. Meno piacevole, al tatto, la maggior parte della plastica dura che ricopre gli interni. Il divano posteriore risulta molto confortevole e spazioso, adatto ad ospitare comodamente tre persone. Il bagagliaio risulta molto spazioso (ancora di più se si abbassano i sedili posteriori) e di facile accesso.

Una volta su strada, lo sterzo risulta morbido e abbastanza preciso, abbastanza buona anche la risposta a dossi e buche. Nonostante le dimensioni importanti e il “piccolo” motore, la vettura si dimostra agile alla guida, con una buona tenuta di strada nelle curve e un assetto ben regolato adatto per rispondere al meglio alle asperità delle strade cittadine. Gli innesti del comando appaiono imprecisi, con un allungo e una ripresa penalizzati dalla modesta potenza del motore. Utile sottolineare che i nuovi motori mirano, tuttavia, a ridurre i consumi più che ad avere prestazioni da sportiva. I consumi misti, come anticipato, si attestano sui 4,8 l/100 km, che diventano 5,9 l/100 km in ambito urbano e 4,2 l/100 km in ambito extraurbano.

Prezzi e concorrenti Citroen C3 Aircross C-Series

Per quanto riguarda i prezzi, questi partono da 21.900 euro per la versione benzina 110 S&S con cambio manuale a 6 marce, 1.750 euro in più per la più potente PureTech 130 con cambio EAT6. La versione Diesel BlueHDi 100 S&S con cambio manuale a 6 rapporti parte da 22.650 euro e, infine, la versione Diesel BlueHDi 120 S&S con cambio automatico EAT6 parte da 24.850 euro.

Tra le concorrenti nel mondo dei B-SUV come non citare le varie Ford Ecosport, Suzuki Vitara, Volkswagen T-Cross, Nissan Juke, Opel Crossland e la coreana Kia Soul. Citroen, come è abituata a fare, ci mette quel tocco di personalizzazione in più, specie per stuzzicare giustamente l’occhio al pubblico femminile.

Dì la tua

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Loading…

    0

    Bugatti Divo: solo la vernice costa 800.000 euro! [VIDEO]

    Leasys CarCloud Quadrifoglio: l’abbonamento per guidare le sportive Alfa Romeo