giovedì, 18 Aprile 2019 - 18:55
Home / Notizie / Novità / Intervista a Jeff Hines, capo di Jeep EMEA: il futuro delle sette feritoie parla ibrido plug-in
Jeff Hines

Intervista a Jeff Hines, capo di Jeep EMEA: il futuro delle sette feritoie parla ibrido plug-in

Tempo di lettura: 2 minuti.

Jeff Hines, al timone di Jeep EMEA dal gennaio 2018, ha orgogliosamente presentato la nuova gamma ibrida plug-in (con Compass 4x4e Renegade 4x4e) al Salone di Ginevra 2019. Il manager americano, quasi vent’anni di esperienza nel mondo automotive, quasi del tutto trascorsi in Chrysler prima e FCA poi, ci ha concesso un’intervista il cui tema non poteva non riguardare le novità portate dal Jeep alla kermesse svizzera. L’inizio di un nuovo capitolo che guarda lontano.

Siamo seduti, per questa intervista, sul futuro di Jeep, cioè la nuova Jeep Renegade ibrida plug-in, la cui versione endotermica è protagonista sul mercato italiano. Cosa ci può dire in merito alla strategia di elettrificazione del brand iniziata proprio a Ginevra ?

Sicuramente il mercato italiano è quello più grande, all’interno dell’Europa, per Jeep. I due modelli più venduti di Jeep in Italia sono Compass e, come hai detto tu, Renegade. Il modello sul quale siamo seduti, la Renegade PHEV, è l’inizio di un percorso di elettrificazione che renderà la versione ibridala più pratica e prestazionale nel mondo dell’off-road, grazie al miglioramento della coppia e, soprattutto, del consumo specie per l’uso cittadino. In modalità elettrica la nuova Renegade PHEV potrà arrivare a una velocità massima di 130 km/h e scattare da 0 a 100 km/h in circa 7 secondi. È chiaro come le performance on-road saranno le migliori mai viste su una Jeep Renegade.”

Cosa ci può confermare rispetto alla produzione di Renegade, in versione ibrida plug-in, nello stabilimento di Melfi? Vedremo un’altra Jeep prodotta sempre in Italia?

Renegade è oggi prodotta a Melfi ma, altro aspetto da non sottovalutare, sarà lo spostamento della produzione di Compass, relativa al mercato europeo, dallo stabilimento messicano di FCA a Melfi. Pensiamo, entro il primo quadrimestre del 2020, di ottimizzare la produzione di entrambi i modelli presso lo stabilmento lucano. Dopo Renegade Compass sarà la seconda Jeep che faremo nascere in Italia e questo è un grosso passo avanti per il brand, anche perché sono i due modelli più venduti specie sul vostro mercato.

Vedremo l’ibrido anche su Wrangler?

Sì, Wrangler sarà la prossima a essere coinvolta nel processo di elettrificazione messo in atto da Jeep. Volendo ipotizzare una cronologia degli eventi, la prima ad arrivare in serie sarà la Renegade, seguita da Compass nel secondo quadrimestre del prossimo anno, mentre dopo l’estate del 2020 sarà poi il turno di Wrangler ibrida

“Melfi è pronta ad accogliere la produzione di Renegade e Compass, anche nelle loro nuove versioni ibride”

Jeff Hines, Head of EMEA Jeep Brand

Viste queste premesse, dopo la morte di Sergio Marchionne, FCA e il suo management continuano a credere nell’Italia?

Senza dubbio, per noi di Jeep l’Italia è il primo mercato all’interno dell’area europea e portare Compass fuori dall’area NAFTA (North American Free Trade Agreement) per il mercato italiano ed europeo. Pensiamo che portando qui il nostro C-SUV, sarà più facile per il cliente ordinare la loro Compass su misura e, soprattutto, velocizzare le consegne.”

Autore: Tommaso Corona

Potrebbe interessarti

5 cose da sapere sulla Kia e-Soul

Le 5 cose da sapere sulla Kia e-Soul

Dopo il debutto della prima generazione con la variante totalmente elettrica, sta per arrivare sul …