martedì, 26 Maggio 2020 - 21:19
Home / Notizie / Storiche / Lancia Aurelia B24: una delle “scoperte” più belle [VIDEO]

Lancia Aurelia B24: una delle “scoperte” più belle [VIDEO]

Tempo di lettura: 2 minuti.

Negli anni ‘50 lo stile Lancia è declinato in una vettura che rimane nei cuori di tutti gli appassionati come l’Aurelia B20 GT, dalla quale deriva la Lancia Aurelia B24 Spider, una delle vetture spider più iconiche del Marchio italiano.

Pinin Farina scolpisce le linee della B20 e da lei ne fa nascere una scoperta altrettanto elegante e che, per le sue linee, riscuote subito un grande successo nel mercato americano. Accorciando il telaio della B20 4a serie e con poche modifiche al suo 6 cilindri di 2.451cm3, necessarie solo per adeguarlo ad un vano motore più basso, nasce, infatti, una delle spider più belle di sempre.

A livello di design la spider di Lancia è caratterizzata da una lunga presa d’aria sul cofano motore e dai paraurti ad “ala” divisi in due parti, che all’anteriore mettono bene in mostra la classica calandra a scudo, emblema Lancia per eccellenza.

L’impostazione della vettura è molto originale: l’abitacolo è praticamente al centro tra il lungo baule e il cofano motore. L’elegante Lancia Aurelia B24 Spider si distingue anche per le porte basse, che lasciano spazio a un alto sottoporta impreziosito da una linea cromata. La purezza del disegno è ulteriormente accentuata dall’assenza delle maniglie nella parte esterna delle portiere. Negli interni della Lancia Aurelia B24, il cruscotto ha tre strumenti circolari con al centro, sopra al piantone dello sterzo, il grande tachimetro, davanti ai quali c’è il bel volante in alluminio a tre razze con corona in legno.

118 cavalli, depotenziati a 108-110 per il mercato americano, spingono a 180 km/h, attraverso la trazione posteriore e il cambio manuale a quattro marce.

La Lancia Aurelia B24 Spider viene prodotta solo per un anno, nel 1955, in un totale di 240 vetture: 59 con guida a destra e 181 con guida a sinistra (siglate B24S, dove la S indica appunto la guida a sinistra).

Nel 1956, con l’avvento della 5a e 6a serie della B20, la Aurelia B24 eredita l’adeguamento del motore da 110 a 120 cavalli, mentre la carrozzeria subisce qualche modifica: debutta la versione Convertibile.

Nuovamente in termini aspetto estetico, la nuova generazione vede l’assottigliamento dell’altezza della presa d’aria sul cofano e il parabrezza avvolgente in stile americano viene sostituito da uno più convenzionale con montanti quasi verticali. Le porte, più profonde e dotate di maniglie, ospitano vetri regolabili e deflettori. Cambiano anche i paraurti, non più divisi in due elementi ma continui e più avvolgenti come quelli delle Coupé B20 GT. Il cruscotto si semplifica e adotta solo due strumenti posti ai lati del piantone dello sterzo.

Come per gli esemplari della Spider, la numerazione dei telai della Convertibile segue quella delle “sorelle” B20 e la produzione della vettura termina nel 1958 dopo 150 esemplari di Aurelia B24 5a serie e 371 6a serie: tutte e 512 solamente con guida a sinistra.

La Lancia Aurelia B24 nel cinema

La grande popolarità di questa Lancia, considerata tra le più eleganti “scoperte” di sempre, viene rafforzata dalla cinematografia. Nel capolavoro di Dino Risi del 1962 “Il sorpasso” un giovane Vittorio Gassman guida con spavalderia nel corso di tutto il film un’Aurelia B24 Convertibile che diventa anch’essa protagonista della pellicola fino al drammatico epilogo.

Vi invitiamo, invece, a godervi il nostro video esclusivo, dove uno splendido esemplare della Aurelia B24, viene guidato dal suo proprietario Valerio, che si gode il vento tra i capelli.

Autore: Guido Casetta

Laureato in Scienze Politiche, sono cresciuto a pane e automobili. Scrivo per professione, guido per passione!

Potrebbe interessarti

Ferrari Testarossa

Ferrari Testarossa: riviviamo il mito della V12 anni ’80 [VIDEO]

Ferrari Testarossa, una delle “rosse” più iconiche di sempre, con quelle prese d’aria laterali che …