mercoledì, 21 novembre 2018 - 9:25
Home / Notizie / Esperienze / Sulle orme della Via della Seta – Giorno 16: da Mosca a San Pietroburgo
Sulle orme della Via della Seta San Pietroburgo

Sulle orme della Via della Seta – Giorno 16: da Mosca a San Pietroburgo

Tempo di lettura: 1 minuto.

Continua il viaggio Sulle orme della Via della Seta della Peugeot Crew a bordo della 3008 GT Line. Questa volta la tappa ha visto il viaggio verso la bella San Pietroburgo. Continua il racconto dei protagonisti del viaggio:

Partiti alle 8 da Mosca, ci dirigiamo verso San Pietroburgo. Per nostra fortuna le strade sono ben realizzate e i chilometri scorrono veloci. Arrivati in prossimità della città rimaniamo rapiti dal contrasto di palazzi antichi e ponti modernissimi. San Pietroburgo è una delle città più popolose e più belle della Russia, è composta da un insieme di isole e numerosi canali, tanto da essere chiamata anche la Venezia russa.

È il porto più importante del paese; fu rasa al suolo da Hitler durante la Seconda Guerra mondiale ed oggi rappresenta una delle finestre più ampie sull’Europa, una città cosmopolita culturalmente artisticamente molto attiva e vivace. Passeggiare lungo il corso del fiume Neva è un’esperienza unica, si susseguono edifici nobiliari ricchissimi e sfarzosi e molteplici Ponti tutti indimenticabili.

Il palazzo di Caterina è un palazzo favoloso con il suo giardino italiano, le statue, le fontane, i Ponticelli fiabeschi; era la residenza estiva degli imperatori. Il palazzo dell’Ermitage ti stupisce al primo colpo d’occhio per la sua magnificenza e la sua straordinaria bellezza. Il vero cuore storico di San Pietroburgo è però la fortezza di San Pietro e Paolo, una vera Cittadella fortificata. Le chiese del centro non si contano, ma sono tutte spettacolari con le loro Cupole d’oro che si stagliano in un cielo azzurro. Anche la cucina locale è molto varia. Passa da piatti semplici a piatti molto elaborati.
Sulle orme della Via della Seta San Pietroburgo

A differenza di Mosca, qui molte persone parlano inglese e con molto stupore incontriamo molte persone che parlano anche italiano. Domani si rientra in Europa. Avremo la dogana russa e poi quella Finlandese da affrontare. Speriamo di perdere poco tempo.

Autore: Guido Casetta

Laureato in Scienze Politiche, sono cresciuto a pane e automobili. Scrivo per professione, guido per passione!

Potrebbe interessarti

FCA Autonomy

La nostra esperienza a EICMA con Vanni Oddera, la mototerapia, e FCA Autonomy

EICMA? Noi di Autoappassionati.it? No non abbiamo cambiato i nostri interessi, le auto sono sempre …