sabato, 24 Agosto 2019 - 6:59
Home / Notizie / Storiche / Renault Supercinque GT Turbo, la piccola “bomba” degli anni Novanta
Renault Supercinque GT Turbo

Renault Supercinque GT Turbo, la piccola “bomba” degli anni Novanta

Tempo di lettura: 2 minuti.

Nella vita ci sono cose tra cui proprio non si riesce a scegliere, quei dualismi dove l’unica soluzione possibile è la vittoria ex-aequo. Dubbi che proprio non si riesce a dirimere, tipo “pizza o pasta”, “bionde o more” e via dicendo. Insomma, tutte quelle cose che ci piacciono così tanto che rinunciare a una delle due sarebbe veramente un delitto.

Così, ogni volta che penso alla Renault Supercinque GT Turbo non riesco a scindere l’immagine da quella della sua rivale per eccellenza, la Fiat Uno Turbo. Nel 1985, così piccole, così arrabbiate e così turbocompresse c’erano solo loro. La Peugeot 205 GTi, sebbene sia parte del gruppo, ha avuto vari motori aspirati e la Fiesta XR2 semplicemente non è mai stata all’altezza delle altre. Tornando alla Supercinque, quando nel febbraio 1985 arrivò sul mercato, per molti fu amore a prima vista. Non era questione di dettagli, ma di un aspetto complessivo veramente unico. Quella specie di estrattore posteriore che incornicia il tubo di scarico, i codolini sottoporta e i passaruota allargati.

Poi le scritte sulle fiancate, i paraurti verniciati in tinta – allora erano una rarità sulle piccole – e la ridotta altezza da suolo del corpo vettura. Tutto contribuiva a conferirle un’aura speciale e un’immagine di cattiveria assoluta. E in tutto ciò non abbiamo ancora parlato delle prestazioni, che ovviamente vanno riportate a 35 anni fa, quando molte auto sul mercato riuscivano a stento a tenere la massima velocità codice in autostrada. La Renault Supercinque GT Turbo no, non era fra queste. Lei poteva superare di slancio i 200 km/h e dare la paga a fior fiore di berline e sportive. Il segreto stava nel suo rapporto peso/potenza. Agli 830 kg di massa complessiva corrispondevano 120 CV (115 nelle prime versioni) di quelli belli arrabbiati. Una potenza che arrivava a 5.750 giri, mentre il picco di coppia massima di 165 Nm era a 3.750 giri. Un bel turbo vecchia scuola, insomma, di quelli che danno il proverbiale “calcio nel sedere”.

Renault Supercinque GT Turbo

Stando attenti a non far pattinare troppo le ruote anteriori, si poteva accelerare da 0 a 100 km/h in soli 7,6 secondi, un tempo interessante ancora oggi. Ma al di là delle caratteristiche “da sparo” la Supercinque GT Turbo aveva anche una serie di altre modifiche che la rendevano bella da guidare, come l’assetto irrigidito e abbassato e l’impianto frenante con dischi autoventilanti all’anteriore e pieni al posteriore. Del resto, i geni erano ancora quelli dell’Alpine, che peraltro aveva curato da vicino lo sviluppo. Sempre a proposito di guida, bisognava porre una certa attenzione in fase di rilascio, visto che il retrotreno era ben propenso ad allargare la traiettoria e ci voleva poco a trovarsi con la coda davanti al muso. Un comportamento, va però specificato, che era abbastanza comune per quel genere di piccole “bombe”.

La Renault Supercinque GT turbo uscì di produzione nell’estate 1991 e oggi è difficile trovarne una ben conservata e soprattutto in condizioni di originalità, visto che è stata una delle auto più elaborate negli anni Novanta.

Autore: Alessandro Vai

Le auto e i motori, una passione diventata una ragione di vita. Volevo fare il pilota ma poi ho studiato marketing e ora il mio mestiere è scrivere

Potrebbe interessarti

Honda S2000 Ultimate Edition

Honda S2000, l’urlo selvaggio dei 9.000 giri

Chi ama le auto non può non amare la Honda S2000. Perdonateci la parafrasi di …