mercoledì, 20 settembre 2017 - 9:26
Home / Notizie / Curiosità / Spa-Francorchamps si tinge di rosso
Spa-Francorchamps

Spa-Francorchamps si tinge di rosso

Tempo di lettura: 2 minuti

Sul celebre circuito di Spa-Francorchamps sono andate in scena le due giornate di prove libere riservate ai clienti degli speciali Programmi XX ed F1 Clienti, due delle attività più esclusive tra quelle gestite dal reparto “Attività Sportive GT”.

Il tracciato non ha bisogno di presentazioni: quello di Spa-Francorchamps è uno dei circuiti su cui sono state scritte alcune delle pagine più importanti della storia del motorsport. Agli inizi il circuito misurava ben 14 chilometri e comprendeva strade aperte al traffico, un po’ come avviene ancora, oggi, per alcuni tratti, sul circuito della Sarthe, sede della 24 Ore di Le Mans. I piloti e i gentlemen driver non vedono l’ora di correrci, il motivo è presto detto: Eau Rouge, Raidillon, e poi Stavelot, i curvoni prima del traguardo e la chicane Bus Stop, curve da cuore in gola.

Su e giù per i saliscendi di Spa-Francorchamps 

Tutor d’eccezione. A guidare i partecipanti nella ricerca del massimo piacere di guida in pista il simpatico Marc Gené, Ferrari Development Driver. Marc ha aiutato i clienti delle 15 vetture di Formula 1 (F2002, F2004, F2007, F2008 e F138 ex Alonso giusto per citarne alcune, oltre alla mitica 412T2 con il V12 ex Berger) e gli oltre cinquanta delle vetture dei Programmi XX a mettere a fuoco i punti chiave della pista e li ha poi assistiti nella messa a punto della vettura. Ben quindici sono state le FXX K scese in pista sul tracciato delle Ardenne, per un totale di 15.750 cavalli, una cifra incredibile che va affiancata alle altre due vetture di questa specialissima attività.

 In pista sono scese anche due 599XX e quattordici 599XX Evo, seconda vettura dei Programmi XX varata quasi dieci anni fa, nel 2009. È un’auto a motore anteriore dotata di tecnologie estremamente sofisticate, come per esempio il sistema che permette di aspirare l’aria dal sottovettura consentendo di creare un campo di depressione che incolla la vettura all’asfalto. In pista anche cinque FXX, la vettura capostipite, lanciata nel 2006 e dotata di una potenza tale che le permette di non sfigurare davanti alle sue più recenti antenate.

Autore: Tommaso Corona

Potrebbe interessarti

Opel Ampera-e

Opel Ampera-e: tutta la Germania con una sola ricarica

Tempo di lettura: 2 minutiDella nuova Opel Ampera-e molto si è già scritto sulla sua autonomia ma la troupe …