in

Volvo XC40 Recharge ibrida plug-in prezzi, dimensioni, motori, opinioni

Volvo XC40 Recharge ibrida plug-in
Tempo di lettura: 4 minuti

Volvo XC40 Recharge ibrida plug-in: scopriamo le caratteristiche principali della variante ricaricabile della best-seller Volvo, disponibile anche 100% elettrica.

Durante una conferenza svoltasi rigorosamente online, non potendo provare fisicamente la vettura, Volvo Cars Italia ha illustrato tutte le caratteristiche della nuova Volvo XC40 Recharge ibrida plug-in, con l’arrivo del Model Year 2021 non appena l’emergenza sanitaria sarà debellata, molto probabilmente dopo l’estate vedremo l’auto nelle concessionarie. Già disponibile è però il configuratore ufficiale, sempre sul sito www.volvocars.com/it.

Negli obiettivi della Casa, questo modello costituirà il 16% delle vendite totali di XC40, in tutte le sue versioni (Diesel, benzina ed elettrica) a fine 2020. Scopriamo dunque i prezzi, le dimensioni, gli esterni e i motori della punta di diamante della gamma ibrida plug-in del costruttore svedese.

Prezzi di listino Volvo XC40 Recharge ibrida plug-in

I prezzi di Volvo XC40 nella variante ibrida plug-in partono da 47.770 euro e tre sono gli allestimenti.

Il prezzo indicato si riferisce all’allestimento Inscription Expression e sale fino ai 50.290 euro della R-Design; in mezzo troviamo l’allestimento Inscription (50.220). La garanzia sulle batterie è di 5 anni/150.000 km mentre l’Ecobonus, a fronte della rottamazione di un usato, è pari a 2.500 euro (1.500 euro senza rottamazione). Inoltre, per tutti gli acquirenti di Volvo ibride plug-in, anche l’Italia sta studiando una forma di cashback grazie all’app Volvo OnCall, la quale permette di calcolare la quantità di energia “spesa” nella percorrenza 100% elettrico, energia che verrà calcolata in kWh e che verrà rimborsata direttamente nelle tasche del consumatore. 

Di serie troviamo una dotazione già molto completa basata sull’allestimento Momentum presente sulle versioni endotermiche: cerchi in lega da 18″, fari fendinebbia a LED, logo “Recharge” inciso sul terzo montante, portellone posteriore con apertura/chiusura elettrica, skid plate anteriore e posteriore color argento opaco, cavo di ricarica Tipo 2 2,3 kW, 10 A/16 A, monofase con presa Schuko/Mennekes, Keyless Entry, Sensus Navigation e Smartphone Integration.

Si tratta di un prodotto chiave per la strategia di elettrificazione voluta dalla Casa svedese, senza dimenticare che pochi mesi fa, presso il Volvo Studio di Milano, venne presentata la XC40 elettrica, la prima full electric nella storia del Marchio. Prevedendo tempi rosei per i modelli ibridi, a dimostrarlo sono le vendite in crescita anche in Italia, Volvo crede in questo modello dotato di batterie dalla capacità lorda di 10,7 kWh (8,5 kWh utilizzabili) e di un motore che, tra termico e surplus elettrico, mette su strada 262 CV e 425 Nm di coppia (265 dal motore termico, 160 Nm). 

Dimensioni Volvo XC40 Recharge ibrida plug-in

Rispetto alle versioni Diesel o benzina, non cambiano le dimensioni di Volvo XC40 Recharge e, soprattutto, lo spazio del bagagliaio. La vettura è lunga 4,42 metri, larga 1,86 metri e alta 1,66 metri. Per l’appunto, lo spazio del bagagliaio non si differenzia rispetto alle versioni endotermiche grazie al posizionamento sul pianale del pacco batterie. La sua capacità minima è di 460 litri, la massima di 1.336 litri.

Il peso della vettura è, in ordine di marcia (con conducente dal peso di 75 chilogrammi) di 1812 chilogrammi, circa 100/150 chilogrammi in più rispetto alle versioni Diesel/benzina ma meno dei 2.220 chilogrammi della variante full electric.

Esteticamente, è poi disponibile la stessa tavolozza colori prevista dal listino di XC40:

  • Solidi: Nero
  • Metalizzati: Glacier Silver, Thunder Grey, Fusion Red (tutti e tre tetto e montanti neri di serie per Recharge R-Design), Onyx Black, Denim Blue e Peeble Grey (esclusi per R-Design)
  • Metalizzati premium: Cristal White Pearl (con tetto e montanti neri)

Motore e autonomia Volvo XC40 ibrida plug-in

Volvo XC40 Recharge ibrida plug-in

La XC40 Recharge “poggia” sulla piattaforma CMA e combina il 1.5 turbo benzina 3 cilindri da 180 CV  al motore elettrico da 82 CV, per un totale di 262 CV e 425 Nm di coppia (265 Nm dal motore termico, 160 Nm dal motore elettrico montato sull’asse anteriore). Indicata. a listino, come XC40 T5 Plug-in Hybrid, quest’ultima propone di serie troviamo il cambio automatico a doppia frizione Geartronic a 7 rapporti. La trazione è solo anteriore mentre le prestazioni parlano di un’accelerazione da 0 a 100 km/h in 7,3 secondi per una velocità massima di 180 km/h, ormai uno standard per Volvo che verrà applicato a tutte le auto a partire dal 2021. 

La batteria è ricaricabile solo in corrente alternata, con tempi di ricarica che variano tra le 3, 4 o 8 ore a seconda della potenza di sistema (3,7 kW o 2,3 kW). La potenza massima rimane di 11 kW, nel caso in cui si utilizzi una colonnina pubblica. In modalità elettrica, a batterie cariche, la percorrenza massima dichiarata è di 45 chilometri.

Opinioni Volvo XC40 Recharge – Prova su strada

Volvo XC40 Recharge ibrida plug-in

Volvo XC40 Recharge ibrida plug-in, al pari delle altre vetture della gamma “ricaricabile”, offre tre distinte modalità di guida, grazie alle quali si possono massimizzare le prestazioni della power unit o privilegiare la guida a zero emissioni. Quest’ultima si identifica nella modalità Pure, con velocità massima stabilita elettronicamente a 130 km/h, cui si uniscono la Hybrid, dove motore a benzina e motore elettrico lavorano in sintonia per contenere i consumi e massimizzare l’efficienza, e infine Power, che, come suggerisce il nome, offre la massima potenza penalizzando un poco l’autonomia

Per quanto riguarda i consumi di Volvo XC40 Recharge ibrida plug-in, questi si attestano, nel dato dichiarato in WLTP, a 2,0-2,4 l/100 Km a batterie cariche, per emissioni di CO2 di 45-55 g/Km. Consumi ridotti a fronte di una capacità del serbatoio pari a 48 litri, 6 litri in meno rispetto ai 54 dei motori benzina (T2 e T3), mild hybrid (B4 e B5, entrambe AWD) e Diesel D3 e D4.

In attesa di scoprirlo nella nostra prova su strada, Volvo Cars Italia suggerisce che, su un percorso di circa 45 km, a batterie cariche l’auto registra un consumo medio di circa 1,6 l/100 km, 6 l/100 km testando il percorso con batterie volutamente scariche. A titolo di informazione, una XC40 D3 turbodiesel dichiara un consumo di 7,3 l/100 km. 

 

Dì la tua

mascherine

Lamborghini converte il reparto selleria per la produzione di mascherine e visiere

Ferrari LaFerrari Aperta

Ferrari LaFerrari Aperta: uno dei 210 esemplari è in vendita