lunedì, 19 novembre 2018 - 18:20
Home / Notizie / Ecologia / Ad Amsterdam il primo car-sharing elettrico targato Hyundai
Amsterdam

Ad Amsterdam il primo car-sharing elettrico targato Hyundai

Tempo di lettura: 2 minuti.

Hyundai crede nella mobilità a zero emissioni e lancia il suo primo car sharing elettrico nell’aera metropolitana di Amsterdam rendendo il servizio alla portata di tutti.

Dopo il primo car sharing con vetture a idrogeno (a Monaco di Baviera nel 2016), Hyundai non ha badato ai numeri schierando ben 100 Ioniq Electric nella Capitale olandese.  Obiettivo rendere la guida a zero emissioni accessibile ad Amsterdam e in Olanda, un paese ormai pronto ad accogliere la rivoluzione della mobilità che negli anni arriverà massicciamente anche da noi.

Con un’autonomia dichiarata fino a 280 km (ciclo NEDC) e grazie alla batteria agli ioni polimeri di litio (28 kWh), Ioniq Electric si ricarica fino all’80% in soli 23 minuti ed è quindi in grado di offrire estrema flessibilità agli utenti del car-sharing. Chi sceglie Hyundai Ioniq per spostarsi ad Amsterdam può contare inoltre sulla spaziosità della vettura e ai sistemi di sicurezza attiva compresi di serie, per muoversi senza inquinare e nella massima sicurezza.

Anche i turisti italiani in trasferta ad Amsterdam potranno usufruire del car sharing elettrico, basta infatti possedere una patente di guida rilasciata in un paese facente parte della Comunità Europea. Il costo è di 0,25 euro al minuto, una tariffa del tutto simile a quella offerta, ad esempio, da car2go nel nostro paese. Dopo un’ora di guida il costo scende a 0,20 euro al minuto, superate le cinque si paga la tariffa fissa di 60 euro che vale per tutta la giornata.

Con il car sharing eletttrico offerto da Hyundai i clienti potranno anche spostarsi tra le varie città olandesi, vista la superficie piuttosto ridotta del territorio (Amsterdam-Rotterdam 80 km, Amsterdam-Eindhoven 125 km), con l’unica condizione di tornare a fine corsa nella capitale, dovrà la vettura potrà essere ricaricata in una delle 2.200 torrette di ricarica già disponibili. La città olandese punta a diventare la prima tra le città “Carbon Free” entro il 2025, obiettivo ambizioso ma non certo irraggiungibile.

Autore: Tommaso Corona

Potrebbe interessarti

360c

GreenPrix 2018: premiate Yamaha e Volvo

La scorsa settimana si è svolta a Palermo la No Smog Mobility 2018, una due …