in ,

Occhio ai sorpassi: come funziona il BLIS di Ford

Blind Spot Information Assist
Tempo di lettura: 2 minuti

Abbiamo imparato a conoscere una parte degli ADAS che compongono la famiglia di assistenti alla guida dell’Ovale Blu. Dall’Evasive Steering Assist e Cross Alert, passando per il Ford Drive Alert, il sistema che monitora il livello d’attenzione del conducente. Oggi ci occupiamo del Blind Spot Information System, o BLIS, il sistema che previene eventuali inconvenienti in fase di sorpasso quando un’altra auto entra nel punto cieco (Blind Spot) degli specchietti retrovisori.

Occhi dietro…sempre

Il Blind Spot Information System (BLIS) utilizza i sensori RADAR per vedere i veicoli che potrebbero essere nascosti nel punto cieco dello specchietto retrovisore, durante la marcia a media e alta velocità. I sensori radar a corto raggio sono situati su entrambi i lati della vettura, dietro il paraurti e avvisano con una luce arancione, chiaramente visualizzata in ogni specchietto laterale, se sta per sopraggiungere un veicolo in fase di sorpasso. Se si inserisce la freccia l’avviso si fa ancora più evidente.

Inoltre quando si esegue una retromarcia in uscita da un parcheggio si ha scarsa visibilità, Ford, con gli stessi sensori, offre un’utile funzione di segnalazione dei veicoli in arrivo. Il sistema rileva pedoni o auto in avvicinamento e avvisa con un segnale sonoro e mediante una spia sullo specchietto laterale di destra o sinistra, a seconda della direzione del traffico in arrivo.

Cross Traffic Alert with Braking

Il Cross Traffic Alert with Braking è la tecnologia Ford dedicata alla sicurezza attiva durante le manovre di uscita dal parcheggio. Questa utilizza un componente radar del sistema di monitoraggio della zona d’ombra, BLIS, e rilava i possibili veicoli in avvicinamento trasversale. E’ in grado di rilevare persone, auto e oggetti (ad esempio un carrello della spesa) in procinto di passare dietro al veicolo, calcolandone posizione, distanza e direzione, e in caso di possibile collisione e assenza di reazione del conducente agli avvisi, aziona i freni per evitare l’impatto o ridurne in ogni caso l’entità. 

La telecamera posteriore con visuale a 180 gradi “Rear Wide-View Camera” offre comunque un’ampia visuale grandangolare dell’area retrostante il veicolo.

Dotazione completa di optional, anzi di ADAS

Non mancano, infine, diversi ausili alla guida (vedi il focus tecnico), raccolti nel pack denominato Ford Co-Pilot360. Tra gli altri, giusto per citare i più importanti, figurano l’Adaptive Cruise Control (ACC) con Stop&Go (fino a 200 km/h), l’Adaptive Front Lighting System che adatta la risposta dei gruppi ottici non solo leggendo il raggio di sterzata, ma attraverso la segnaletica stradale (una nuova tecnologia brevettata Ford), il sistema di assistenza al parcheggio Active Park Assist Upgrade, L’Evasive Steering Assist.

Inoltre, la tecnologia Pre-Collision Assist con Pedestrian e Cyclist Detection è in grado di rilevare pedoni e ciclisti presenti sulla strada o che potrebbero attraversare nella traiettoria del veicolo. In caso di potenziale collisione e di una mancata risposta da parte del conducente, il sistema applica automaticamente la forza frenante anche nel caso di guida notturna, utilizzando la luce dei fari.

Molto utile l’Head Up Display che proietta le informazioni di velocità, radio, sistemi ADAS e navigazione in un secondo schermo sopra il cruscotto.

Dì la tua

mercato auto gennaio 2019

Mercato auto settembre 2019: si torna in positivo dopo un’estate in calo

Porsche Festival 2019

Porsche Festival 2019: le novità della quinta edizione, nel weekend a Misano