giovedì, 21 Novembre 2019 - 1:34
Home / Notizie / Storiche / Honda Integra Type-R, la regina delle trazioni anteriori
Honda Integra Type-R

Honda Integra Type-R, la regina delle trazioni anteriori

Tempo di lettura: 2 minuti.

Mettiamo subito in chiaro una cosa: per moltissimi appassionati, la migliore trazione anteriore di sempre è lei. La Honda Integra Type-R.

E la verità è che è davvero difficile dare torto a tutti questi fan della coupé giapponese. Le si possono muovere tante critiche, c’è chi dice che con quella carrozzeria la trazione è proprio dalla parte sbagliata, chi dice che invece non sia così bella o che abbia le ruote troppo piccole. La verità è che la Integra Type-R è completamente figlia degli anni Novanta e questo ha delle ovvie ricadute sullo stile e su tante altre caratteristiche tecniche. Ecco, in quest’ultimo campo è praticamente impossibile trovare un’auto che la possa battere. Partiamo dal motore, un 1.8 4 cilindri che è un pezzo di poesia automobilistica grazie al sistema VTEC. Se non sapete di che cosa si tratta fate una penitenza a vostra scelta e poi leggete: permette di variare sia la fasatura che l’alzata di tutte le valvole di aspirazione e di scarico.

Honda Integra Type-R

È una testata così particolare che viene costruita interamente a mano da tecnici specializzati e la produzione è limitata a 25 pezzi al giorno. Ma il risultato è che fino a 5.700 giri siete al volante di un’auto normale, poi quando vi verrebbe da cambiare marcia, inizia il divertimento, che si ferma solo verso i 9.000 giri. In questo arco di tempo succedono due cose: un clamoroso cambio di sound e una altrettanto clamorosa spinta. Sì, non lo abbiamo ancora detto, ma il 1.8 aspirato della Integra Type-R ha 190 CV a 8.000 giri e 178 Nm di coppia a 5.700 giri, che la spingono da 0 a 100 km/h in 6,7 secondi e poi fino a 233 km/h. Numeri dovuti anche a una massa complessiva che supera di poco i 12 quintali e alla trazione data dal differenziale autobloccante meccanico di serie. Peccato che il cambio abbia solo cinque rapporti e non sei, altrimenti le prestazioni sarebbero state ancora più stupefacenti, anche perché dobbiamo ricordarci che l’auto arriva sul mercato nel 1997 e che praticamente non ha concorrenti.

Se ci fossero ancora dei dubbi sulle qualità della Integra Type-R, per fugarli basta parlare del comparto telaio e sospensioni. Il primo viene irrigidito nei punti soggetti a maggiore sollecitazione e tutta l’auto perde 40 kg con una dieta che interessa i materiali fonoassorbenti, la batteria, lo spessore dei vetri, diversi componenti secondari e perfino l’aria condizionata, che di serie non c’è. Tutto questo senza contare i sedili Recaro e il pomello del cambio in titanio.

Honda Integra Type-R

Cambio che peraltro è una goduria da manovrare. Dicevamo delle sospensioni…quadrilateri sia davanti che dietro, per una precisione di guida al top. Forse solo i cerchi da 15 pollici sono sottodimensionati rispetto all’auto, ma in pochissimi li hanno lasciati di serie. Se state pensando di comprarne una, intanto dovete riuscire a trovarla, perché chi ce l’ha se la tiene stretta, poi dovete mettere in conto almeno 15.000 euro se volte trovare un esemplare in condizioni discrete. Ma poi, una volta guidata, non potrete più farne a meno.

Autore: Alessandro Vai

Le auto e i motori, una passione diventata una ragione di vita. Volevo fare il pilota ma poi ho studiato marketing e ora il mio mestiere è scrivere

Potrebbe interessarti

Chevrolet Suburban

L’auto con il nome più longevo? La Chevrolet Suburban

Poche auto possono “impensierire” la Chevrolet Corvette, che utilizza questo nome continuativamente dal 1953. L’unica …