venerdì, 19 ottobre 2018 - 10:37
Home / Notizie / Novità / Jaguar a Los Angeles presenta il concept elettrico I-Pace

Jaguar a Los Angeles presenta il concept elettrico I-Pace

Tempo di lettura: 3 minuti.

Al Los Angeles Auto Show Jaguar sorprende tutti e presenta il concept I-Pace, il primo SUV elettrico che la Casa inglese presenterà nella versione di serie tra un anno circa.

Sfruttando al massimo la libertà progettuale offerta dai sistemi elettrici, i designer e gli ingegneri hanno colto l’occasione per riconsiderare le proporzioni complessive del veicolo e il risultato è un veicolo all’avanguardia dal design cab-forward le cui forme si ispirano alla supercar C-X75. Jaguar dopo lo sbarco ufficiale in Formula E è convinta che i consumatori siano pronti per i veicoli elettrici dal design più audace ed è questo che I-Pace porta nello stand della Casa in California.

Jaguar IPace 01

Le opportunità offerte da un sistema di propulsione elettrica sono enormi. Tali veicoli offrono ai progettisti una maggiore libertà e delle opportunità che dobbiamo cogliere. Questo è il motivo per cui l’I-Pace Concept è stata sviluppata su una nuova architettura, progettata per ottimizzare le prestazioni, l’aerodinamica e lo spazio interno.” Ha dichiarato Ian Callum, Direttore del Design di Jaguar.

l’I-Pace Concept visto a Los Angeles introduce grandi cambiamenti stilistici e nuovi linguaggi espressivi nei tipici dettagli e nella rinomata maestria artigianale britannica di Jaguar, nonostante ad un primo impatto le forme possano far pensare ad una versione rivista del SUV F-Pace. Il design ha beneficiato però dell’assenza del motore a combustione e dell’albero della trasmissione, portando così l’abitacolo in posizione avanzata, allungando il passo (ora di 2.990 millimetri) e riducendo gli sbalzi. Il risultato è un design più aerodinamico con un cx di 0,29 a tutto vantaggio dello spazio interno e della visibilità a 360°. Tuttavia, l’impronta complessiva della concept car I-Pace risulta compatta quanto quella dei SUV convenzionali di medie dimensioni.

Jaguar IPace 02

I muscolosi passaruota sono stati scolpiti attorno ai cerchi Nighthawk da 23” in Technical Grey, con inserti Gloss Black e con una finitura diamantata, che trasmettono grande robustezza al concept inglese. Il loro aspetto dinamico è stato arricchito con pneumatici 265/35/R23 caratterizzati da un esclusivo disegno del battistrada, riportante la scritta Jaguar direttamente sullo pneumatico. Anche le minigonne laterali, aerodinamicamente ottimizzate, uniscono la forma alla funzione, canalizzando l’aria intorno alle ruote in modo più efficiente. In vista frontale colpisce poi la presa d’aria ispirata alla C-X75 che contribuisce a spezzare i flussi mentre i sottili fari a LED enfatizzano ulteriormente le linee pulite del veicolo.

Al posteriore le ingegnose prese d’aria mascherano i finti terminali di scarico a tutto vantaggio dell’aerodinamica, garantita inoltre dal diffusore posteriore che incolla all’asfalto il SUV I-Pace. I fari posteriori a LED, simili a quelli presenti su altri modelli Jaguar, emergono dalle linee grafiche arrotondate, mostrando un aspetto spigoloso e maggiormente ricercato. Un generoso stop con lampada a LED, montato nella parte superiore, è stato integrato in modo impercettibile sotto lo spoiler, diventando visibile solo quando il conducente frena.  Nonostante l’I-Pace Concept abbia un lunotto inclinato, il volume del suo bagagliaio di 530 litri supera comodamente lo spazio offerto dai SUV tradizionali. Il vano bagagli anteriore sotto il cofano offre uno spazio di ulteriori 28 litri.

L’abitacolo, focalizzato sul conducente, è stato completato con un’interfaccia intuitiva e con materiali all’avanguardia che mostrano le nuove strade dell’innovazione e dell’eccellenza Jaguar. I sedili snelli dell’I-Pace Concept rivestiti in pelle Windsor e rifiniti in Alcantara Moonstone, collocano i fianchi degli occupanti in posizione ribassata, mentre l’impostazione di guida “Sports Command” offre la sensazione di connessione con la strada tipica di una vettura sportiva.  Anche Il pannello strumenti ha una posizione ribassata e le sue semplici linee orizzontali, insieme ai comandi minimalisti, enfatizzano ulteriormente le dimensioni degli interni. La consolle centrale coccola il conducente con due “avvolgenti” montanti metallici, che inquadrano perfettamente l’accesso ad una zona di stivaggio da 8 litri sotto il pannello di controllo, un disegno, questo, che sarà ripetuto in altre Jaguar del futuro.  Sparisce poi la leva del cambio, ora sostituita da pulsanti già visti sui modelli Land Rover, liberando così spazio per piccoli oggetti o per lo smartphone.

Parlando di prestazioni, l’I-Pace non rinuncia a nulla nonostante l’assenza del buon vecchio motore a combustione e grazie ai due motori elettrici disposti sui due assi la potenza è di 400 CV per un valore di coppia ragguardevole, ben 700 Nm, messi a terra dalla trazione integrale intelligente che si adatta ad ogni tipologia di terreno o condizione climatica. Lo 0-100 km/h ferma i cronometri sui 4 secondi e il vantaggio della disposizione dei due motori ha migliorato l’handling della vettura, grazie all’abbassamento del baricentro. L’elettrificazione consente di avere anche un maggiore comfort: ad esempio, selezionando un livello più elevato di frenata rigenerativa nello stop-and-go, il conducente può guidare con un solo pedale, senza la necessità di utilizzare i freni per arrestare la vettura.

Jaguar IPace 07

Questo è un veicolo elettrico senza compromessi, progettato partendo da un foglio di carta bianco: abbiamo sviluppato una nuova architettura e scelto solo le migliori tecnologie disponibili. L’I-PACE Concept sfrutta pienamente le potenzialità che i veicoli elettrici sono in grado di offrire nell’utilizzo dello spazio, nel piacere di guida e nelle prestazioni.” Parola del Dr. Wolfgang Ziebart, Jaguar Land Rover Electrification Director

Autore: Tommaso Corona

Potrebbe interessarti

Bullitt

Ford Mustang Bullitt: il mito del cinema americano arriva in Italia

Cade quest’anno il cinquantesimo anniversario di Bullitt, il film rimasto nell’immaginario collettivo per lo storico …

something