in

Mercedes Classe S 2021: Listino Prezzi, Dimensioni, Interni, Motori

Mercedes Classe S 2021
Tempo di lettura: 5 minuti

Settima generazione per l’ammiraglia di Stoccarda, da sempre punto di riferimento non solo per la Casa tedesca bensì per l’intero mondo dell’auto, tante sono le innovazioni che a ogni generazione hanno fatto scalpore. La nuova Mercedes Classe S 2021, dopo mesi di voci e suggestioni, si mostra per la prima volta e stupisce sia per il suo design, soprattutto in abitacolo, sia per l’approccio alle motorizzazioni. 

Con il codice di progetto W 223, la nuova Classe S parte per stupire, come già fece la prima generazione nel lontano 1972. Arriverà nelle concessionarie nel corso del 2021 (ma in Germania sarà già ordinabile a partire dall’autunno); vediamo come è fatta e quali sono le sue principali novità. 

Listino prezzi Mercedes Classe S 2021

Se la S 350 d della vecchia generazione partiva da un listino di circa 98.000 euro, la nuova Classe S 2021 ha un listino prezzi, per l’Italia, che parte da 107.644 euro per la S 350 d in allestimento Business. Gli altri listini delle versioni a passo corto sono i seguenti: 111.374 euro per la S 350 d 4Matic, 117.160 euro per la S 400 d 4Matic. Il prezzo sale a 130.548 euro per l’ibrido benzina S 500 4Matic EQ-Boost.

I prezzi di Classe S 2021 a passo lungo salgono, rispettivamente, a 112.420 euro, 118.346 euro e 124.133 euro. 137.521 euro per la ibrida benzina S 500 4Matic EQ-Boost.

Vediamo, nel dettaglio, gli allestimenti di Classe S per l’Italia:

  • BUSINESS: apre le porte all’esclusivo mondo di Classe S e introduce una ricca dotazione di equipaggiamenti come la seconda generazione di MBUX, il display centrale OLED con diagonale dello schermo di 12,8”, il PRE-SAFE System e l’ultima generazione del pacchetto di sistemi di assistenza alla guida.
  • PREMIUM: svela il lato più tecnologico di Classe S e, oltre agli equipaggiamenti già presenti sulla versione BUSINESS, introduce in gamma i cerchi da 19’’, il pacchetto parcheggio con funzione di attivazione a distanza, il display del lato guida in 3D, il Surround Sound System Burmester® 3D con 15 altoparlanti, la protezione vettura con URBAN GUARD Plus, il tetto panorama elettrico in cristallo con chiusura Comfort e chiusura automatica in caso di pioggia.
  • PREMIUM PLUS: per la top di gamma una dotazione unica, tra cui spiccano le Digital Light, l’head-up display con contenuti in realtà aumentata, il pacchetto sedili Multicontour a conformazione variabile, i rivestimenti in pelle Nappa, e il pacchetto ENERGIZING.

Dimensioni Mercedes Classe S 2021 ed esterni

Non bada certo alle dimensioni contenute, essendo tutto fuorchè un’utilitaria, la nuova Mercedes Classe S: è lunga 5,18 metri (passo corto, 5,29 la passo lungo), larga 1,95 metri (con gli specchietti esclusi) e alta 1,50 metri, per un passo di 3,10 metri che può arrivare ai 3,22 metri della Long Wheel Base (destinata prevalentemente al mercato asiatico).

L’aumento di dimensioni rispetto alla vecchia generazione è tangibile: in lunghezza la passo corto guadagna 5 centimetri (il passo, però, ne guadagna 7) mentre la passo lungo “solo” 3 centimetri (+5 il passo).

Come non toccare il discorso estetico. Passi avanti da gigante sul fronte illuminazione, con il sistema Digital Light che non solo illumina ma lavora al fianco dei sistemi ADAS, di cui parleremo a breve. Basti pensare che dentro quei fari anteriori ci sono qualcosa come 1,3 milioni di micro-specchi. Dietro, invece, i gruppi ottici sono stati progettati sulla falsariga della nuova CLS e sono di forma triangolare.

Altra novità assoluta, vista su altri segmenti, sono le maniglie a scomparsa.

Interni Mercedes Classe S 2021: MBUX profondamente evoluto

Un design completamente rinnovato fuori, seppur nel segno dell’essenzialità, ma è dentro che è avvenuta la rivoluzione. Cancellato il concetto di abitacolo in vigore sulla sesta generazione per sposare un MBUX di nuovissima generazione (venne lanciato neanche 2 anni e mezzo fa) dove però il parallelismo con il mega display Tesla, proprio nella zona centrale, è abbastanza palese. Tasti fisici ridotti all’osso, se non sui vani portiera, nello stile classico Mercedes.

Mercedes Classe S 2021

Nella variante più evoluta, sicuramente a pagamento, questo MBUX potrà offrire fino a 5 schermi, uno dei quali richiederà l’uso di occhiali 3D per chi siederà alla guida (alla faccia della sicurezza?). Anche l’head-up display è completamente nuovo, e destinato a fare scuola. Grazie a un sistema sofisticato di lenti, le indicazioni vengono proiettate direttamente sul nastro d’asfalto, a una distanza, ovviamente virtuale, di dieci metri. Difetto? Sarà come avere uno schermo da 77″ davanti agli occhi, peccato che ci sia il parabrezza…

Sempre a proposito del nuovo MBUX, sparirà il “semplice” comando vocale Hey Mercedes e, grazie all’intelligenza evoluta, ci sarà un dialogo più naturale e meno “freddo” tra gli occupanti e la vettura. Altre innovazioni? Se vi cadono le chiavi di casa, raccogliendole con le mani si accenderanno luci a LED predittive, e questo è solo l’inizio…c’è po la domotica domestica che, opportunamente collegata, potrà essere controllata direttamente dall’abitacolo con i comandi vocali, senza ricorrere allo smartphone.

Mercedes Classe S 2021

Facile pensare che a bordo, visto anche l’aumento di dimensioni, si viaggia sempre e comunque in business class, ancor più che in passato. La Classe S è sinonimo di comfort ai massimi livelli e, con la settima generazione, ora più lunga, i fortunati passeggeri della fila posteriori, non per forza uomini d’affari o vip, vengono coccolati a più non posso, oltre ad avere più spazio per le gambe (da 96 a 100 centimetri). Non che il conducente e il suo passeggero viaggino male: il sedile è regolabile elettricamente in 19 posizioni e 10 sono i programmi massaggianti, mentre dietro i cuscini che concedono il pisolino, per la prima volta, si riscaldano.

Anche il baule è cresciuto, si è passati infatti da 530 litri a 550 litri di capacità.

Motori Mercedes Classe S 2021

Sempre di serie l’automatico nove rapporti 9G-Tronic, mentre, riguardo le motorizzazioni, al lancio avremo solo ed esclusivamente il sei cilindri in linea, sia per quanto riguarda i turbobenzina, 3 litri, della S 450 4Matic e della S 500 4Matic (rispettivamente 389 e 457 CV, entrambi con sistemi mild hybrid), sia per i Diesel, con i 2.9 della S 350 D da 286 CV e della S 400 d 4Matic (330 CV).

Mercedes Classe S 2021
Sì, la Classe S sarà anche, per la prima volta, ibrida plug-in

Un biturbo V8 4.0 è atteso in seguito, mentre la Classe S plug-in è attesa per il 2021 e potrebbe consentire una percorrenza in elettrico fino a 100 chilometri.

Opinioni Mercedes Classe S 2021

Sempre al vertice di eleganza, stile, comfort, tecnologia e chi più ne ha più ne metta, la nuova Mercedes Classe S fa di nuovo un vertiginoso passo avanti su più fronti, dagli esterni, con nuovi gruppi ottici che si fondono con il funzionamento degli ADAS, agli interni, dove gli schermi aumentano e l’MBUX si evolve profondamente.

I motori, che presto accoglieranno l’ibrido plug-in, si basano tutti su versioni dai 6 cilindri in su, per prestazioni degne di un’ammiraglia di questo genere. A sorprendere, poi, sono i sistemi di sicurezza, gli ADAS appunto. A partire dalla seconda metà del 2021, quando saranno entrate a listino le versioni anche ibride, Mercedes renderà pienamente operativa la guida autonoma di livello 3, il livello che consente al conducente di staccare le mani del volante. Non sarà, però, operativo in egual misura in tutti i paesi.

mercedes classe s 2021

Anche il Parking Assist fa un salto in avanti e offrirà, specie nei parcheggi multipiano, la possibilità di spostarsi da sola, senza conducente, tramite smartphone, ove possibile. Di serie ci sono poi le sospensioni Airmatic che consentono, tra l’altro, di alzare automaticamente l’auto di 8 centimetri se viene riscontrato il pericolo di un urto laterale imminente (Pre-Safe Impulse Side)

Video Mercedes Classe S 2021

Dì la tua

Hyundai Kona 2021

Nuova Hyundai Kona 2021: interni, motori, foto

Targa prova foto di ThomassPhoto

Stop alla targa prova sulle auto già targate: lo dice la Cassazione