venerdì, 20 luglio 2018 - 4:44
Home / Notizie / Novità / MINI John Cooper Works Paceman
Foto by MINI

MINI John Cooper Works Paceman

Tempo di lettura: 1 minuto.

Arriva la versione super-pepata della stranissima MINI Paceman, a metà tra coupé e SUV compatto.

La MINI John Cooper Works Paceman verrà infatti presentata in anteprima mondiale nel gennaio 2013 al North American International Auto Show (NAIAS) di Detroit, mentre il lancio sul mercato dell’ultimogenito della famiglia John Cooper Works, che comprende già sette modelli, seguirà poi nel mese di marzo.

Alimentata da un potente motore benzina 1,6 litri quattro cilindri turbo da 160 kW/218 CV, la MINI John Cooper Works Paceman scarica la propria potenza sulla strada attraverso la trazione integrale ALL4, fornita di serie. L’assetto sportivo delle sospensioni, che presentano un asse anteriore con ammortizzatori del tipo McPherson e un asse posteriore a braccio unico centrale, include l’abbassamento della vettura e il kit di aerodinamica. Sia con cambio manuale che automatico, la MINI John Cooper Works Paceman accelera da 0 a 100 km/h in 6,9 secondi, mentre nel ciclo di prova combinato UE consuma in media 7,4 l/100 km (con cambio automatico: 7,9 l/100 km) ed emette 172 g/km di CO2 (con cambio automatico: 184 g/km). L’equipaggiamento di serie comprende, oltre al kit di aerodinamica, cerchi in lega da 18 pollici, impianto di scarico sportivo con terminali cromati e battitacco con il logo John Cooper Works. Per la vernice del tetto e delle calotte degli specchietti retrovisori esterni nel colore di contrasto vengono offerte, oltre alle varianti bianco e nero, anche l’esclusiva tinta Chili Red. A richiesta, anche gli interni possono venire completati con degli esclusivi tocchi di design, come le modanature interne in Chili Red.

Autore: Andrea Fiorello

Potrebbe interessarti

Renegade Days

Ancora pochi giorni per provare la nuova Jeep Renegade ai Renegade Days

Tempo di lettura: 1 minuto. È stato tanto il pubblico incuriosito, allo scorso Salone dell’Auto di Torino, dal debutto della …

something