in

Novità Peugeot: perchè puntare sull’ibrido plug-in

Peugeot ibrido plug-in
Tempo di lettura: 2 minuti

Dopo aver toccato con mano le novità ibride plug-in durante l’evento organizzato dalla Casa francese nei dintorni di Barcellona, è ora di capire come sta evolvendo l’elettrificazione della Casa francese e perchè Peugeot ha rinunciato, come stanno invece facendo molti costruttori, a puntare su mild e full hybrid. 

La risposta arriva…dallo Stato. Il Ministero dei Trasporti, parlando di amministrazione pubblica, ha posto l’ibrido plug-in nella fascia di maggior efficienza tecnologica (emissioni di CO2 sotto i 60 g/km), da cui derivano i maggiori Ecobonus statali, proprio come i modelli 100% elettrici. Dopo le versioni elettriche di 208 e 2008, presentate alla fine del 2019, il 2020 di Peugeot è iniziato con il lancio di Peugeot 3008 Hybrid4 e di 508 e 508 SW Hybrid, due lati della stessa medaglia, o, per meglio dire, della stessa tecnologia. 

Una strategia, ora diventata un piano concreto, che vedrà d’ora in avanti la presenza di una versione elettrificata su ogni modello in uscita da qui al 2023, compresa la nuova 308 attesa per la metà del 2020. 

Da una parte, dunque, il SUV che riporta la trazione integrale sotto una nuova veste: fino a 300 CV complessivi, anche con trazione 4×4 ed un incredibile bilanciamento tra prestazioni ed efficienza, sia per ridurre consumi ed emissioni che per garantire diverse decine di km in modalità 100% elettrica. Il plug-in hybrid rappresenta la tecnologia ibrida di maggior efficienza.

Con l’arrivo di queste nuove motorizzazioni ibride plug-in i modelli elettrificati di Peugeot già ordinabili sul sito Peugeot diventano sei. L’autonomia varia tra i 60 km della 3008 Hybrid4 ai 340 km (WLTP) di nuova e-208. 

I modelli Peugeot elettrificati hanno diritto all’Ecobonus?

Peugeot  ibrido plug-in

Da questa domanda nasce la risposta al quesito che ci siamo posti in apertura. A fronte di un prezzo di acquisto, da listino, maggiore, innegabile, i modelli Peugeot ibridi plug-in godono degli Ecobonus statali, fino a 6.000 euro nel caso delle 100% elettriche, incentivi che si sommano agli ecoincentivi regionali, ove previsti.

Se è vero che le vendite attese per il 2020 dei modelli Peugeot ibridi plug-in non vanno oltre il migliaio di vetture, almeno a sentire i vertici di Peugeot Italia, la situazione è molto più ottimistica per gli anni a venire, da qui la scelta di introdurre la tecnologia sulle vetture in arrivo. Nel complesso, resta escluso il solo segmento A, quello delle citycar, ma anche qui possiamo aspettarci novità nel futuro prossimo. 

La batteria di cui sono dotati i modelli elettrificati del Leone è coperta da una garanzia di 8 anni o 160.000 km e per un’efficienza di almeno il 70%, a conferma dell’impegno su questo tema. Inoltre, in occasione dei passaggi in officina per i tagliandi, Peugeot certifica al cliente lo stato di salute della batteria della propria auto, utile anche in caso di rivendita del veicolo. 

Peugeot ibrido plug-in

Il traguardo del 2023, quando ogni modello Peugeot disporrà di una versione elettrificata, si avvicina a passo veloce. Nel frattempo, e-208 è in consegna da febbraio assieme alle versioni Hybrid di 508 fastback e SW e Hybrid4 di 3008, mentre ad aprile è previsto l’arrivo in concessionaria di e-2008. 

Dì la tua

Supercar Epic Fails Episodio 2

Quando i cavalli sono nelle mani sbagliate: SUPERCAR FAILS EP. 2 [VIDEO]

WHY-BUY BMW

WHY-BUY: cos’è e come funziona il finanziamento BMW