lunedì, 25 giugno 2018 - 2:09
Home / Nuova Toyota Auris | Salone di Ginevra 2015

Nuova Toyota Auris | Salone di Ginevra 2015

Tempo di lettura: 3 minuti.

Dopo il lancio di Auris Hybrid avvenuto nel 2010 Toyota è diventato il primo costruttore a offrire una scelta fra tre motorizzazioni diverse all’interno del segmento C.

Grazie a questa molteplicità di scelta rispetto alla maggior parte della concorrenza del segmento, la gamma Auris si conferma una proposta assolutamente unica. La Auris Hybrid inoltre garantisce una serie di vantaggi legati alla tecnologia ibrida: con emissioni di CO2 pari a soli 80 g/km e consumi nel ciclo combinato di 3.51 l/100 km, i clienti godono di benefici riferiti alla circolazione e agevolazioni fiscali3, oltre a costi di gestione
straordinariamente bassi.

La tecnologia Full Hybrid di Toyota è stata riconosciuta dal mercato come una alternativa credibile e non più di nicchia rispetto alle motorizzazioni convenzionali, per questo l’esperienza di guida silenziosa e rilassante offerta dalla Auris Hybrid sta diventando sempre più popolare tra i clienti del segmento C.

La proposta Toyota nel segmento C cresce nello stile e aggiunge nuovi motori
Alla gamma si aggiunge oggi un nuovo motore turbo 1.2 a iniezione diretta e una nuova unità 1.6 D-4D prende il posto del motore 2.0 turbodiesel, mentre l’unità 1.4 D-4D è stata perfezionata offrendo oggi il miglior livello di emissioni nella categoria dei motori da 90 cavalli. Il principale riferimento della gamma Auris per il mercato Italiano resta la versione Hybrid, con motore 1.8 da 136 CV, ulteriormente rivisto. Tutti i motori soddisfano oggi i nuovi standard richiesti dalla normativa Euro 6.

Il modello presenta un frontale e un posteriore dalle linee rinnovate, che assicurano ad Auris maggiore autorevolezza ed eleganza. Gli interni sono impreziositi dalla nuova plancia e da rivestimenti di qualità premium, oltre che dal nuovo display a colori da 4,2″ posizionato al centro del quadro strumenti, disponibile a partire dall’allestimento intermedio e di serie sui modelli ibridi.
La nuova gamma Auris dispone inoltre di alcuni affinamenti relativi alle sospensioni e allo sterzo che migliorano il comfort, la maneggevolezza e il piacere di guida. Diversi accorgimenti migliorano anche il livello di rumore e
vibrazioni percepiti all’interno dell’abitacolo.
Per concludere, la nuova gamma offre gli allestimenti Entry, Mid, ed High sia per le versioni Hybrid che per quelle convenzionali.

 BLG3087

Il frontale e il posteriore della nuova Auris sono stati sottoposti ad alcune modifiche per assicurare alla vettura un baricentro più basso, maggiore autorevolezza ed una straordinaria eleganza.
Sul frontale, i profili cromati si sviluppano a partire dal nuovo logo Toyota, più pronunciato rispetto a quello del modello uscente.
Quello superiore sottolinea il bordo del cofano, sviluppandosi per l’intera larghezza del frontale. Quello inferiore, meno pronunciato, scende verso il basso inserendosi nella parte alta del paraurti, per poi lasciare spazio al bordo finemente elaborato dei nuovi gruppi ottici, disponibili con luci di marcia diurna a LED.

Il profilo della nuova Auris è caratterizzato da sbalzi più lunghi, che creano una linea al contempo più slanciata ed equilibrata che percorre l’intera silhouette della vettura, dal logo anteriore fino ai gruppi ottici posteriori. L’eleganza del profilo è impreziosita dalla forma particolare dell’antenna e dai nuovi cerchi in lega da 16″ e da 17″.

La qualità a bordo della nuova Auris è stata ulteriormente migliorata grazie ad alcuni accorgimenti, tra cui la riduzione del volume della plancia, una maggiore uniformità dell’illuminazione e le nuove forme e rivestimenti delle superfici.

Il pannello strumenti è caratterizzato da un design dal carattere decisamente sportivo, con la forma tubolare del tachimetro e del contagiri posizionati ai lati del display multi-informazioni a colori da 4,2″. Il design della plancia è caratterizzato da linee più sinuose rispetto alle precedenti.
Il sistema Multimediale Toyota Touch2, con schermo da 7,1″, è stato integrato in un’unica area dalla superficie levigata che include comandi touch-sensitive, esterni allo schermo, ed è dotata di un’illuminazione più omogenea.
La superficie superiore della plancia è rivestita in materiale soft-touch ed è caratterizzata da nuove goffrature.

Autore: Mauro Giacometti

Classe 88. Automotive Engineering. Mi piace la musica, ma… non quella bella, principalmente quella di cattivo gusto e che va di moda per poche settimane. Amo sciare, ma non di fondo: non voglio fare fatica. La mia auto ideale? Leggera, una via di mezzo tra una Clio Rs e una Lotus Elise. Ma turbo! Darei una gamba per possedere una “vecchia gloria” Integrale.

Potrebbe interessarti

Peugeot Fractal

Peugeot Fractal: la concept elettrica e attenta al sound

Tempo di lettura: 2 minuti. Tre anni fa, a un anno di distanza dalla Quartz, Peugeot bissò il colpaccio con …

something