in

Questa Bugatti Chiron è una replica che merita tutte le nostre attenzioni [VIDEO]

Tempo di lettura: < 1 minuto

In pochi, pochissimi, possono dire di aver guidato una Bugatti Chiron, figuriamoci possederla. Chi si accontenta gode, così così, come diceva il buon Luciano Ligabue in “certe notti”, e in Vietnam sembrano aver preso alla lettera il consiglio spassionato del cantautore emiliano.

Soldi pochi, sogni tanti. Da qui è nata la motivazione di mettersi al lavoro per realizzare una replica davvero molto bene fatta della hypercar francese. Caricato dal canale YouTube NHET TV, il video lungo ben 46 minuti spiega da capo a coda come è nato il progetto e come la vettura ha preso forma via via che i mesi scorrevano.

Partendo da un modello in argilla, quello che i designer sono soliti chiamare con il nome di clay, si è passati alla creazione degli stampi e da lì alle prime parti di carrozzeria infibra di vetro. Per conferire più rigidità, e peso, alla replica della Bugatti Chiron, i modellisti hanno anche pensato bene di costruire un telaio in acciaio su cui allacciare le sospensioni e di posizionare un piccolo motore termico (di origine Toyota) così da poter muovere, a velocità ridotta, la replica della Bugatti Chiron.

Fedelmente riprodotta anche la plancia e, una volta passato il primer sulla carrozzeria definitiva, l’ultima parte del lavoro ha riguardato la creazione del colore originale Bugatti, il celebre Bugatti Light Blue, alternato alle parti di carrozzeria nero lucido. Una livrea ormai iconica, che ben si sposa alle luci a LED riprodotte fedelmente.

Non sappiamo quanto è costato agli amici vietnamiti questo lavoretto ma non possiamo che applaudire al risultato. Valutate voi stessi in questo video!

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Loading…

    0
    lamborghini huracan

    Mai parcheggiare una Lamborghini incustodita: la Huracan è rimasta senza ruote

    dacia duster story

    Dacia Duster: la sua storia al traguardo delle 2 milioni di unità