giovedì, 26 aprile 2018 - 13:08
Home / Prove / Primo Contatto / Toyota C-HR | Prova su strada in anteprima

Toyota C-HR | Prova su strada in anteprima

Tempo di lettura: 4 minuti.

Il Toyota C-HR è un nuovo segmento per Toyota e l’ingresso nel mondo dei crossover compatti della casa giapponese avviene con un’auto che vista su strada colpisce fin dal primo sguardo. Noi abbiamo testato in anteprima il Toyota C-HR sulle strade spagnole intorno a Madrid. L’auto ci è piaciuta; estetica unica e tecnologia ibrida rendono il C-HR un mezzo estremamente interessante.

Design unico e dirompente

Il Toyota C-HR possiede un aspetto dirompente in grado di coniugare una parte inferiore alta e possente, con la silhouette slanciata tipica delle coupé, sottolineata dalla forma delle maniglie posteriori, nascoste nelle linee del montante, e dalla linea del tetto che va ad unirsi allo spoiler posteriore.

 Toyota C-HR

Lungo 4.36 metri, largo 1.79 m, alto 1.55 m (nelle varianti Hybrid) e con un passo di 2.640 mm, il C-HR mantiene stretta assonanza con le linee del prototipo originale svelato in anteprima al Salone di Parigi 2014.

I gruppi ottici posteriori spiccano alle estremità della scocca e possono essere dotati di tecnologia LED offrendo una caratterizzazione ancor più decisa.

Interni con personalità e di livello

Anche gli interni rispecchiano il design moderno ed eclettico degli esterni. L’attenzione è immediatamente catturata dal grande display touch-screen collocato in posizione rialzata ma non invasiva.

Toyota C-HR | Interni

Tutti i comandi, intuitivi ed accessibili, sono rivolti verso il guidatore. Il display touch-screen da 8” è dotato della nuova interfaccia HMI e della nuova piattaforma di navigazione 2016. Pur avvicinando i controlli al lato guida, il design asimmetrico della consolle centrale consente comunque un comodo accesso alle funzioni principali anche dal lato del passeggero.

Gli elementi decorativi sono rivestiti in Piano Black e argento, mentre l’illuminazione blu dei comandi e della leva del cambio dona personalità all’insieme. La capacità del bagagliaio è di 377 litri.

Alla guida della 1.8 Hybrid

Il sistema Full Hybrid del nuovo Toyota C-HR s è composto da un motore termico, il 1.8 benzina a ciclo Atkinson da 98CV e da un motore elettrico, in grado di sviluppare una potenza di 72CV per un totale combinato tra le due unità di 122CV. Come su tutte le versione Hybrid di Toyota con il convertitore di coppia CVT bisogna adattare il proprio stile di guida alla vettura per ridurre al minimo “l’effetto scooter” del cambio. Una volta trovato il feeling giusto l’auto si guida con grande relax e soprattutto noterete i benefici in termini economici con consumi ridotti.

Toyota C-HR | Prova su strada

Quello che abbiamo poi apprezzato alla guida del Toyota C-HR è la cura degli interni, non solo per materiali di pregio e ottimi assemblaggi, ma per l’attenzione ai dettagli dell’auto. Le particolari trame delle plastiche dei pannelli porta, il cielo che riprende i disegni delle plastiche e le superfici soft touch della plancia sono un plus non indifferente per un’auto di questo segmento, soprattutto se paragonata alle concorrenti.

Due motorizzazioni disponibili, anche con trazione integrale

La versione Full Hybrid è dotata di tecnologia ibrida di ultima generazione, la stessa della Prius IV, è in grado di offrire emissioni di soli 86g/km e consumi pari a 3,8l/100 km nel ciclo combinato, con una potenza di 122 CV e un’efficienza termica del 40%, la migliore al mondo per un motore termico.

Toyota C-HR Hybrid

Il Toyota C-HR sarà disponibile anche con il motore 1.2l turbo benzina da 116 CV e 185 Nm di coppia (già visto su Auris), un’unità che offrirà emissioni di 134 g/km e consumi a partire da 5,9 l/100 km nel ciclo combinato. Il motore è abbinato a un automatico a variazione continua disponibile con trazione anteriore e integrale. Il Toyota C-HR 1.2T con trasmissione CVT è equipaggiabile con sistema Dynamic Torque Control AWD. La distribuzione fronte-retro della trazione viene controllata in maniera precisa attraverso un raccordo elettromagnetico. In base alla situazione la distribuzione può variare da un rapporto 100-0% fino a un minimo di 50-50%. Il sistema include il Cornering Control, una funzione che consente a chi guida di tracciare la direzione di guida voluta regolando la trazione a seconda delle condizioni di guida. Grazie al Pre-Torque Control la distribuzione viene impostata secondo un rapporto 90-10% non appena il conducente agisce sullo sterzo

Prezzi e allestimenti: offerta lancio a 21.500 euro

I prezzi di listino partono da 25.700 euro per la versione 1.2 Turbo benzina 2WD in allestimento Active o 28.400 euro per la 1.8 Hybrid sempre in allestimento Active. In offerta lancio fino al 31 dicembre 2016 con permuta, il Toyota C-HR in allestimento Active 1.2 turbo benzina 2WD è proposto a 21.500 euro, sempre in offerta lancio la versione d’ingresso della gamma ibrida è proposta a 23.500 euro (stesso prezzo della versione Active 1.2l turbo 4WD). Le versioni Lounge e Style, indifferentemente Hybrid o benzina 4WD, sono poi disponibili al prezzo di 25.500 euro.

Toyota C-HR

Il nuovo Toyota C-HR sarà offerto in 3 allestimenti: Active, Style, Lounge a cui si aggiunge la versione Business, dedicata al cliente flotte. Di serie su tutta la gamma il pacchetto Toyota Safety Sense Plus, disponibile di serie sul nuovo C-HR, includerà il sistema Pre-collisione, l’Avviso di Superamento Corsia, il Riconoscimento della Segnaletica Stradale e il sistema di Abbaglianti Automatici, oltre alla funzione di Rilevamento Pedoni e al Cruise Control adattivo.

Il Tech Pack è proposto a 1.800 euro e comprende: Fari LED anteriori autolivellanti, Gruppo ottico posteriore a LED, Blind Spot Monitor, Rear Cross Traffic Alert e il Lane Change Assist. Infine il nuovo C-HR può essere equipaggiato con sistema JBL Premium (800 euro) dotato di amplificatore da 576 Watt, 8 canali e 9 altoparlanti, due dei quali sono tweeter a tromba.

Il nuovo Toyota C-HR è già ordinabile dello scorso primo ottobre e arriverà in tutte le concessionarie italiane Toyota il 19 novembre.
La vettura beneficia della formula “Pay per Drive” che prevede un anticipo di 6.250€ con 47 rate mensili da 250 euro a prescindere da motorizzazione, versione e allestimento scelti. Questa formula è possibile grazie ad un’offerta di pre-lancio valida fino al 31 dicembre 2016 che garantisce un beneficio cliente di oltre 4.000 Euro sulle versioni Hybrid.

Autore: Federico Ferrero

Direttore Autoappassionati.it

Potrebbe interessarti

Suzuki Swift Sport

Nuova Suzuki Swift Sport | Prova su strada in anteprima

Tempo di lettura: 4 minuti. Le Hot Hatch sono una delle categorie di vetture più amate (e raggiungibili) dagli appassionati …

something