in

La Bugatti Divo dell’emiro del Qatar fa bella mostra di sè in quel di Londra [VIDEO]

Tempo di lettura: < 1 minuto

Con l’avvento dell’estate, i ricchi sceicchi del modio oriente lasciano la propria terra per trasferirsi in località più miti. Una delle città più gettonate è sicuramente Londra, dove il qatarino Khalifa bin Hamad bin Khalifa, noto anche come K.H.K., ha iniziato il suo trasloco estivo. L’emiro del Qatar ha appena inviato nella capitale inglese una Lamborghini Sian, una Ferrari Monza SP2 ed una Bugatti Divo.

Avvistata a Londra la Bugatti Divo di K.H.K., emiro quatarino

Ha suscitato scalpore vedere per le strade di Londra la Bugatti Divo di Khalifa bin Hamad bin Khalifa, la quale era parcheggiata a lato strada come se fosse un’utilitaria, presso Mayfair, un distretto londinese però particolarmente ricco. L’auto in questione è colorata di grigio scuro interrotto dal sottile tricolore della bandiera francese che viene riproposto anche su specchietti, branchie, cerchioni e pinze dei freni. Sul retrotreno spicca poi la targa californiana, con le lettere che compongono il nome del proprietario “Khalifa”.

Bugatti Divo, l’auto derivata dalla Chiron

La Bugatti Divo è stata derivata dalla Chiron, essendone la versione più “track-oriented”. È più leggera di circa 35 kg, è meno veloce ma ha maggiore guidabilità sul misto, grazie anche ad un’aerodinamica modificata che aggiunge ulteriori 90 kg di downforce alla vettura. Immutata la potenza di 1.500 CV sviluppati dallo stesso W16 8.0 litri della Chiron. Sono solo 40 gli esemplari prodotti, già tutti venduti ognuno dei quali con un prezzo di partenza di 5,8 milioni di euro e riservati a chi era già in possesso di una Bugatti Chiron.

Vederla così, parcheggiata a bordo strada come un’utilitaria qualsiasi, di certo lascia sbigottiti. Non trovate?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Loading…

    0

    Nuova Fiat 500X, il render anticipa le forme del B-SUV rinnovato

    carburanti sintetici

    Quanto ha pesato il caro carburanti sulle tasche degli italiani? Ora lo sappiamo