sabato, 21 luglio 2018 - 21:17
Home / Notizie / Curiosità / Gli interni della DS 7 Crossback: tecnologia e qualità
DS 7 Crossback interni

Gli interni della DS 7 Crossback: tecnologia e qualità

Tempo di lettura: 3 minuti.

Motorizzazione e sospensioni sono fondamentali ma il benessere comincia quando ci si siede a bordo del SUV. Ecco gli interni della DS 7 Crossback.

Gli interni contemporanei e chic, con i due display da 12 pollici, propongono diverse esclusive, come ad esempio il “point perle”, un’impuntura decorativa che crea piccoli punti a forma di perla sulla plancia e sui pannelli delle porte. La convalida tecnica (test di resistenza allo sfregamento e all’abrasione) ha richiesto oltre 4 anni di lavoro ai team DS e ai fornitori di equipaggiamenti. Questo modo di procedere è attualmente unico nel mondo dell’auto.

I due schermi rappresentano un’offerta premium nel segmento. Il primo, in alta definizione, semplifica la navigazione e gestisce l’interfaccia multimediale, tutte le funzioni DS Connect e il Mirror Screen. Il secondo, personalizzabile, è dedicato al quadro strumenti digitale.

Il suono allo stato puro

Per l’equipaggiamento sonoro della DS 7 Crossback, DS si è rivolta a Focal, leader francese dell’acustica professionale e hi-fi.  DS ha scelto la tecnologia Focal Electra che prevede quattordici altoparlanti posizionati strategicamente nell’abitacolo affinché tutti i passeggeri possano apprezzare un’immersione totale di altissima qualità.

Materiali e lavorazioni premium

La lavorazione della pelle e il “guillochage” sono altri elementi che contribuiscono a costruire l’identità del savoir faire DS. Il marchio DS utilizza due tipi di pellami, una pelle goffrata e la Nappa, dall’aspetto più liscio, ma anche l’Art Leather, una Nappa patinata.

L’antica lavorazione guillochage, che risale al XVI° secolo, consiste nel decorare la superficie di un materiale creando delle linee che si intersecano. Questo tipo di decorazione, generalmente riservato per la sua complessità agli orologi di alta gamma, grazie al marchio DS è arrivato anche nel mondo dell’auto. Ad esempio, a bordo della DS 7 Crossback è possibile ammirare l’alluminio guilloché “clous de Paris”, una lavorazione che consiste nel riprodurre piccoli chiodi a testa piramidale, separati da dei solchi. In generale, la lavorazione “clous de Paris” ritorna in vari punti dell’abitacolo, per un’uniformità di stile e grande raffinatezza.

L’attenzione ai dettagli e la ricerca della raffinatezza si ritrovano nel design dell’abitacolo. Pulsanti, prese d’aria, animazione degli schermi richiamano la geometria della trama DS. Le luci interne a LED con comandi touch e il retrovisore interno senza telaio sono solo alcuni esempi che dimostrano l’attenzione di DS per ogni singolo dettaglio.

Le ispirazioni parigine di DS

Grazie all’abilità tecnica e fedele alla filosofia dello stile DS, orientato alla personalizzazione, la DS 7 Crossback propone cinque universi differenti: cinque Ispirazioni, per soddisfare i requisiti e i desideri di ognuno, con caratteristiche che riflettano il suo temperamento. In onore di Parigi, luogo natale del marchio, le ispirazioni DS si chiamano DS Bastille, DS Rivoli, DS Faubourg, DS Opéra senza dimenticare il più sportivo DS Performance Line.

Secondo la più pura tradizione artigianale, ogni dettaglio, ogni materiale (Alcantara, pelle goffrata, pelle Nappa) di queste versioni è stato selezionato con rigore, lavorato e posizionato nell’auto. I materiali sono allestiti su ampie superfici avvolgenti e accoglienti: plancia, pannelli delle porte, console, sedili passeggeri e conducente sono avvolti e immersi in un’atmosfera globale. Il volante è rivestito in pelle, con le maniglie di sostegno e la parte centrale del volante (la copertura dell’Airbag) che possono anch’esse essere rivestite in pelle.

Domina la plancia ed esce dalla struttura ruotando su sé stesso quando si avvia il motore l’orologio B.R.M R180, firmata proprio dal produttore di orologi francese B.R.M Chronographes.

Sempre per i sedili, sono state selezionate imbottiture ad alta densità per realizzare sedili ampi e accoglienti, comodi, resistenti e tecnologici (quelli anteriori possono essere riscaldati, ventilati e dotati di funzione massaggio). Le regolazioni elettriche sia nei sedili anteriori sia nei sedili posteriori permettono di fissarne la posizione con estrema precisione. A titolo di esempio, i sedili posteriori si possono reclinare da 23° fino a 32°.

Comfort sì, ma lo spazio?

Per le sue dimensioni esterne e per il lavoro realizzato all’interno da tecnici e ingegneri, conducente e passeggeri possono apprezzare un’abitabilità mai raggiunta finora, in particolare i passeggeri posteriori, dove lo spazio a disposizione garantisce una comodità degna delle berline più prestigiose.

Il bagagliaio, nel frattempo, non viene sacrificato, e propone una capienza di 555 litri.

DS Sensorial Drive: illuminazione con stile

L’illuminazione “PolyAmbiant”, diffusa da punti luce sui pannelli delle porte anteriori, riflette la progettazione, curata nel minimo dettaglio. Quando il conducente sale a bordo, può scegliere tra otto colori, tra i quali il rosso Carminio, colore emblematico di DS: i vari colori permettono di creare ambienti diversi, da quello vivace e dinamico adatto alla guida di giorno a quello più indicato per il confort di guida notturna. Basta seguire l’umore del momento. La sensazione di benessere è amplificata dalle diverse luci a comando touch.

Autore: Guido Casetta

Laureato in Scienze Politiche, sono cresciuto a pane e automobili. Scrivo per professione, guido per passione!

Potrebbe interessarti

Cristiano Ronaldo

L’auto aziendale di Cristiano Ronaldo è la potente Jeep Grand Cherokee Trackhawk da 700 CV

Tempo di lettura: 1 minuto. L’arrivo del giocatore portoghese alla Juventus, da molti già da stampare nella memoria come l’evento …

something