venerdì, 21 settembre 2018 - 1:50
Home / Notizie / Ecologia / Gruppo PSA tra le migliori aziende green

Gruppo PSA tra le migliori aziende green

Tempo di lettura: 1 minuto.

Il Gruppo PSA ha ricevuto il prestigioso riconoscimento entrando a far parte “A List” stilata dal Carbon Disclosure Project (CDP), organizzazione internazionale no-profit nell’ambito delle economie sostenibili.

Sono già tre le aziende nel campo automobilistico francese ad aver ricevuto il riconoscimento, ora con Michelin e Renault anche gruppo PSA entra a far parte della lista grazie alle azioni intraprese questo 2016 per ridurre in modo consistente le emissioni e ad attenuare gli effetti del cambiamento climatico.

PSA CDP 1

Patrice Lucas, Direttore Programmi e Strategia di Groupe PSA, ha dichiarato in merito: “Quest’onorificenza del CDP conferma, a livello internazionale, la pertinenza delle nostre scelte tecnologiche e delle nuove offerte in fatto di mobilità per far fronte alle sfide del cambiamento climatico. Inoltre, è una ricompensa per i passi da gigante che abbiamo compiuto al fine di garantire, insieme all’ONG Transport & Environnement, la massima trasparenza ai nostri Clienti sui consumi reali dei nostri veicoli”.

PSA CDP 2

La “A List” completa è pubblicata nel rapporto del CDP. Questo rapporto, che stabilisce le azioni di riferimento in materia di lotta contro il cambiamento climatico, mostra come alcune aziende internazionali abbiano avviato la transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio e che alcune già traggono profitti dalle opportunità offerte da tale trasformazione. Le linee guida per la riduzione delle emissioni rese note dalle compagnie sono coerenti con gli obiettivi dell’Accordo di Parigi negoziato durante la COP21 e serviranno come riferimento per le future valutazioni annuali.

Autore: Tommaso Corona

Potrebbe interessarti

Volvo V60

Auto, sostenibilità e Agreenment: Volvo V60 veste di muschio

Tempo di lettura: 2 minuti. Volvo segue la linea della sostenibilità insieme agli studenti del Politecnico di Milano: nel progetto …

something