domenica, 12 Luglio 2020 - 18:08
Home / Notizie / Curiosità / Peugeot 20Coeur: la concept car “mamma” di 206 CC
Peugeot 20Coeur
Peugeot 20Coeur (1998)

Peugeot 20Coeur: la concept car “mamma” di 206 CC

Tempo di lettura: 2 minuti.

Perché scegliere tra coupé e cabriolet quando si possono avere entrambe? Nata nel 1998, nello stesso anno del primo concept crossover della marca, la Peugeot 20Coeur fu l’antesignana della 206 CC che, a cavallo degli anni 2000, cambiò il mondo di intendere la classica vettura decapottabile, in soli 16 secondi.

Venne presentata alla prima edizione del nuovo millennio di Retromobile e si rivolse ai tanti appassionati del Marchio francese con un preciso scopo: far rivivere, sia nei loro occhi, sia nelle loro menti, le mitiche Peugeot Eclipse degli anni ’30, protagoniste che furono al centro dei rudimentali scatti fotografici dell’epoca nei già esistenti concorsi d’eleganza, e protagoniste nella storia dell’automobile perchè furono le prime vetture al mondo, di serie, con il tetto rigido che scompariva nel bagagliaio. 

Tornando a tempi più recenti, si era creata una moda intrapresa in quegli anni da diverse case automobilistiche che si concretizzò proprio nel 2000 quando, sul finire dell’anno, arrivò sul mercato la 206 CC (Coupè-Cabrio). La concept 20Coeur fu quindi la vettura laboratorio che per prima studiò le forme della compatta francese, affrontando una sfida all’epoca non di poco conto. Il successo della versione stradale, la 206 CC, fu immediato, tanto che i tempi di attesa per la consegna degli ordini arrivarono subito a sfiorare i sei mesi! 

Debuttò con due motorizzazioni, il 1.6 benzina da 110 CV e un 2.0, sempre a benzina, da 135 CV, più sportiveggiante, non a caso era lo stesso della 206 GTi. Negli anni successivi entrò a listino anche il Diesel HDi Common Rail 1.6 110 CV con filtro antiparticolato FAP. Il 2007 fu l’ultimo anno di produzione della 206 CC, la vettura nata dalla forme della 20Coeur. Motori a parte, la formula fu molto semplice: designer e ingegneri lavorarono a stretto contatto per studiare la soluzione ideale senza tradire le forme della 206, vent’anni fa già disponibile sul mercato e una delle compatte più di successo di ogni tempo. 

 

Autore: Tommaso Corona

Potrebbe interessarti

F40 gte

Ferrari F40 farmkhana: sai cosa vuol dire derapare? [VIDEO]

TaxTheRich1000, scomparso dal radar sulla rete e su YouTube, ci ha sempre abituato bene in …