in

Volkswagen Polo R WRC seconda generazione

Tempo di lettura: < 1 minuto

La Volkswagen ha presentato la Polo R WRC seconda generazione, una vettura al massimo della forma sia sotto il profilo tecnico, sia nel look. L’obiettivo è difendere con successo il Titolo conquistato lo scorso anno, ottenuto dopo quello del 2013 vinto nella stagione di debutto nel WRC.

All’insegna della continuità, a difendere i colori di Wolfsburg ci saranno i tre equipaggi che hanno conquistato l’intero podio della classifica generale nel WRC 2014: nell’ordine, i francesi bicampioni del mondo Ogier/Ingrassia, i finlandesi Latvala/Anttila e i norvegesi Mikkelsen/Fløene. Il primo “via” del WRC 2015 è fissato per il 22 gennaio, quando andrà in scena il Rally di Monte Carlo.

“La nuova Polo R WRC nasce da un intenso lavoro di sviluppo” ha dichiarato HeinzJacob Neußer, Membro del Consiglio di Amministrazione della Volkswagen, Responsabile per lo Sviluppo Tecnico. “Non ha soltanto un look più dinamico e sportivo. I nostri ingegneri hanno lavorato meticolosamente sulle innovazioni tecniche sotto il cofano e hanno ulteriormente sviluppato molti dettagli che si sono rivelati particolarmente efficaci negli scorsi due anni. Gli obiettivi sono stati efficienza, affidabilità e prestazioni. Ora aspettiamo di vedere la nuova Polo all’opera al Rally di Monte Carlo e nelle successive 12 gare”.

volkswagen polo r wrc2

La più grande innovazione è rappresentata dal cambio ad attivazione elettroidraulica gestito attraverso un singolo comando al volante. Inoltre, tre quarti dei componenti della vettura 2014 sono stati ricontrollati e molti di essi sono stati ottimizzati, nell’ottica di rendere tutto più semplice, leggero e resistente.
La novità più visibile sulla Polo R WRC 2015 è senz’altro la nuova livrea, dove il blu scuro è ora il colore prevalente, specie nella parte anteriore. Strisce azzurre e bianche creano un raccordo con il posteriore bianco dominato da un nuovo, imponente spoiler.

Neopatentato

Mauro Giacometti

Classe 88. Automotive Engineering. Mi piace la musica, ma… non quella bella, principalmente quella di cattivo gusto e che va di moda per poche settimane. Amo sciare, ma non di fondo: non voglio fare fatica.
La mia auto ideale? Leggera, una via di mezzo tra una Clio Rs e una Lotus Elise. Ma turbo! Darei una gamba per possedere una “vecchia gloria” Integrale.

Dì la tua

Dakar 2015, decima tappa: Iveco sale in classifica verso la Top 5

Autoappassionati

La BMW Serie 1 si rifà il trucco